Venerdì, 21 Settembre, 2018

Giro d'Italia, Mohoric vince la decima tappa

Lo sloveno Matej Mohoric vince la decima tappa del Giro d'Italia Giro d'Italia, Chaves nell'incubo: 25 minuti di ritardo
Iona Trifiletti | 16 Mag, 2018, 11:47

2 - Nico Denz (AG2R La Mondiale) s.t. Nella top ten anche Davide Ballerini (5°), Francesco Gavazzi (7°) e Gianluca Brambilla (9°).

Per Esteban Chaves sarà importante recuperare dall'ennesima mazzata psicologica che ne ha caratterizzato sin qui la sua carriera: restando in corsa e recuperando le forze potrà essere un valido uomo d'appoggio per Yates. Questa volta la dissenteria non c'entra, come avvenne l'anno scorso quando era in maglia rosa: solo una foratura. Soprattutto però c'è stata la crisi di Esteban Chaves, che è crollato completamente: il corridore colombiano, secondo fino a oggi nella classifica generale, ha vissuto una giornata no e ora dovrà abbandonare le sue ambizioni di vittoria finale. "Il britannico è stato uno dei protagonisti della tappa odierna andando a sprintare ai traguardi voltanti e guadagnando 3" sui diretti avversari. Chaves a anche la forza di parlare di come si va avanti: "Abbiamo la maglia - dice parlando della squadra, come ha sempre fatto in questi giorni -, i piani non cambiano. Intanto Yates ha disputato e vinto la volata del traguardo volante di Sarnano, conquistando altri 3" di vantaggio sugli inseguitori in classifica. Quarto posto per il nostro Domenico Pozzovivo (a 1′).

Ancora non sa spiegare bene cosa gli sia successo, allergia forse? "Ho provato ad attaccare prima perché avevo qualche dubbio per la volata finale, poi non ci sono riuscito, comunque lui (Denz, ndr) collaborava - ha aggiunto a proposito dello sprint a due con il tedesco - Quindi ho deciso di rischiare, andare insieme all'arrivo e dare tutto in volata".

Per la Mitchelton Scott la crisi di Chaves ha risolto almeno il problema della leadership interna, e stroncato ogni possibile rivalità tra il colombiano e la maglia rosa Simon Yates.

Dopo il giorno di riposo parecchie emozioni.

"Sono molto deluso per lui perché ha lavorato duramente per questo Giro".

Domani undicesima tappa di 156 chilometri da Assisi a Osimo. È stata una giornata da dimenticare per me.

La prima salita di giornata, invece, è situata al Passo del Cronello.

"Che dire. Basta un attimo per cambiare tutto un Giro d'Italia". La salita è resa ancora più difficile dalla presenza del pavé grossolano.

Altre Notizie