Lunedi, 10 Dicembre, 2018

Eleonora Brigliadori: "Vado lo stesso a Pechino Express"

Eleonora Brigliadori parteciperà a 'Pechino Express'? Il giallo si infittisce Eleonora Brigliadori: “Vado lo stesso a Pechino Express”
Calogero Calderone | 22 Giugno, 2018, 19:56

Eleonora Brigliadori e il figlio Gabriele Gilbo sono stati esclusi da Pechino Express dopo le dichiarazioni raggelanti dell'attrice sulla chemioterapia e Nadia Toffa ammalata di cancro. "Eleonora Brigliadori dovrebbe mettersi una mano sulla coscienza prima di parlare". Sfortunatemente questo servizio è tornato attuale in virtù della malattia della giornalista: Nadia Toffa sta infatti combattendo da alcuni mesi la sua battaglia con il cancro e proprio per questo è diventata oggetto delle dichiarazioni della Brigliadori.

La Brigliadori, alias Aaron Noel, ha scritto però un post (poi cancellato) sulla sua pagina Facebook dove afferma: "Nonostante le violente polemiche che si sono scatenate sul web da qualche giorno a questa e che sono totalmente inappropriate ed infondate comunico che mi presenterò regolarmente e contrattualmente, insieme a mio figlio Gabriele, nel luogo prefissato e comunicatoci, già da tempo, quale punto di raduno per la partenza del programma televisivo Pechino Express".

L'adventure game che vedrà al timone per il sesto anno consecutivo Costantino della Gherardesca, si sposterà per la prima volta in Africa e vedrà otto nuove coppie di concorrenti sfidarsi in ogni tappa per raggiungere la meta designata, tra pochi confort e molti disagi. "Seriamente, davanti alla tv mi sono sentita male".

Sulle parole verso Nadia Toffa, Carolyn ha aggiunto: "Ha fatto ancora una volta una cosa ridicola e oscena, insultando Nadia". Un'affermazione abbastanza pesante, che ha portato al popolo del web, ma anche al direttore generale della Rai Mario Orfeo, a chiederne l'esclusione dal reality. Ma dare voce a queste cose sarebbe stato davvero pericoloso.

"Le auguro di non trovarmela di fronte".

"Mi sono sentita molto protetta dalla Rai e sono orgogliosa di lavorare in un'azienda in cui si ragiona così". In faccia. Di riflettere e smettere di dire cavolate: non tutte le persone che la sentono sono forti. "Io non scendo nello specifico perché ognuno ha un percorso personale, ma per tutti la sola strada è la scienza e la medicina".

Altre Notizie