Giovedi, 16 Agosto, 2018

Formula 1, GP Canada, la delusione di Lewis Hamilton: "Peggio del previsto"

F1. Gran premio del Canada. Vettel trionfa 14 anni dopo Schumacher su Bottas e Verstappen e si riprende il primato in classifica Formula 1 Canada, monologo Vettel! Bottas e Verstappen sul podio
Iona Trifiletti | 13 Giugno, 2018, 13:25

I distacchi fra i primi, in realtà, non sono stati abissali, Hamilton quinto è arrivato ad una ventina di secondi, ma Vettel aveva del margine e, se fosse servito, avrebbe potuto spingere ancora.

"La seconda emozione è cominciata verso la fine della gara, quando Bottas si è avvicinato sensibilmente a Vettel minacciandogli il primato con un distacco passato da 5" 5 a 2" 5. Il tedesco precede Bottas e Verstappen e coglie il terzo centro stagionale, scavalcando Hamilton di 1 punto nella classifica del Mondiale. E lancia un messaggio forte e chiaro alle sue avversarie ritrovando un successo che a Montreal mancava dal 2004, con Michael Schumacher. Gara anonima per l'altra Ferrari di Kimi Räikkönen (6°).

"Il segnale che la Ferrari e Vettel hanno vinto la gara, con Sebastian che ha guidato molto bene, ha avuto una grande macchina". Alla partenza le prime quattro posizioni sono rimaste invariate con Ricciardo che è riuscito a sorpassare Räikkönen.

Zero degrado, zero usura e zero in pagella a questa Pirelli che, gara dopo gara, si sta dimostrando non all'altezza!

Ma non è solo per questo che la vittoria di Montreal ha un sapore speciale per il tedesco, perché erano ben 14 anni che la Ferrari non riusciva più a vincere in Canada, su una pista dedicata ad un suo mito come Gilles Villeneuve. Al via ho cercato di prendere un certo vantaggio, ero molto contento del mio primo giro, ma poi è uscita la safety car e ho dovuto ricominciare daccapo. La gara è ripresa regolarmente quarto giro. Dietro al ferrarista si sono piazzati Bottas e Verstappen.

Una vittoria che, oltre ad essere storica, è anche di fondamentale importanza per il campionato, in quanto la SF71-H ha dato una prova di forza, vincendo in una pista storicamente Mercedes, e particolarmente affine a Lewis Hamilton (apparso in grande difficoltà). Sebastian non ha mai rischiato la testa della gara, grazie a un superlativo passo gara, ad un'ottima strategia e ad un'esecuzione perfetta del Pit Stop. Per effettuare la propria sosta infatti, Seb aspetta tranquillamente che si siano fermati tutti per non mollare mai la posizione numero 1, e al cambio mescola obbligatorio monta la SuperSoft, gomma che nelle menti più ansiose dovrebbe forse favorire la rimonta Mercedes. "Il fatto di non avere il nuovo motore non mi ha condizionato" sono state le sue parole a Sky.

Altre Notizie