Lunedi, 23 Luglio, 2018

Migranti, scoppia la lite tra Macron e Di Maio

Stephane Mahe  Reuters Stephane Mahe Reuters
Moreno Priola | 22 Giugno, 2018, 10:36

Le dichiarazioni di Macron sono arrivate al termine di un intervento a Quimper e, secondo quanto spiega il giornale Le Figaro, il riferimento è al rifiuto dell'Italia di aprire i suoi porti alle Ong, con il caso Aquarius prima e con le nuove minacce del ministro dell'Interno Matteo Salvini poi. Ma io lezioni da un paese che ha l'esercito alla frontiera italiana non ne prendo.

A chi lo accusa di inazione rispetto all'accoglienza dei migranti, Macron ha chiesto di "guardare ciò che accade altrove". In particolare Macron tuona contro il "nazionalismo che rinasce, la frontiera chiusa che alcuni propongono".

"Le parole che ha appena pronunciato Macron sono offensive e fuori luogo". "La vera lebbra è l'ipocrisia di chi respinge gli immigrati a Ventimiglia e vuole farci la morale sul diritto sacrosanto di chiedere una equa ripartizione dei migranti - ha scritto il ministro del Lavoro - La solidarietà o è europea o non è". Non dividendoci tra noi stessi. Macron, però, ha anche detto di voler "integrare coloro che hanno ottenuto l'asilo ed espellere gli altri" pur ammettendo che sia un "cammino difficile" ma comunque "più responsabile di chi gioca sulle paure". E' contro quelli che bisogna scandalizzarsi. Il presidente francese ha poi attaccato le "nostre elite economiche, giornalistiche, politiche, che hanno una responsabilità immensa su questo tema". "Mi spiace solo che la Francia ai Mondiali stia battendo il Perù", ha aggiunto. Quindi un appello rivolto ai 130 rappresentanti locali presenti in Bretagna: "Ho bisogno di queste terre che credono nell'Europa, ho bisogno di francesi che credono in questo progetto perché conoscono la nostra storia, perché conoscono il prezzo dei nazionalismi, perché conoscono il prezzo dell'imbecillità".

Anche Salvini ha replicato al presidente francese: "Macron ha detto che chi non accoglie è un populista lebbroso".

Altre Notizie