Lunedi, 10 Dicembre, 2018

Rom, Di Maio: 'Censimento incostituzionale, contento che Salvini abbia smentito'

Salvini: presto censimento o anagrafe dei Rom Censimento dei Rom?
Evandro Fare | 22 Giugno, 2018, 16:36

All'appello, lanciato originariamente da Tpo e Làbas e poi anche da altre sigle cittadine, ha risposto un partecipato corteo: da piazza Nettuno i manifestanti hanno percorso via Ugo Bassi, piazza San Francesco e via Sant'Isaia per raggiungere la Prefettura, dove una delegazione ha ottenuto un incontro per chiedere, innanzitutto, il rispetto da parte della Questura delle procedure sui permessi di soggiorno. A parlare, all'agenzia Dire, è Angela Casamonica, esponente della famiglia sinti più celebre di Roma e diventata famosa circa un anno fa quando ammise di essere la proprietaria del maialano 'Bebè' avvistato in zona Romanina a passeggiare per le strade del quartiere. Quel simpatico animale era proprio di Angela Casamonica, che aveva ribattuto alla leader di Fratelli d'Italia spiegando: "Ci giocano i bambini, che lasciano aperto il giardino e quello scappa. - aggiungendo - Mo manco un maiale si può crescere?". "Sono le nostre regole comuni e vanno rispettate da tutti". "Quindi bisogna lavorare con Romania, Albania e Tunisia, che sono ahimè tra i principali paesi per presenze in galera" ha concluso Salvini, evidenziando che "purtroppo i rom italiani te li devi tenere in Italia".

"Lui fa il suo lavoro ma con noi deve rigare dritto".

"Quelli che parlano del fatto che l'immigrazione non sia un problema è perché hanno il villone con 18 telecamere e 18 guardie armate, e non prendono il treno, non prendono l'autobus, non vanno in metropolitana, non escono col cagnolino la sera, non portano bimbi a giocare ai giardini pubblici, altrimenti capirebbero che ci sono mamme e papa nonne e nonni che hanno i veri problemi". "Con qualche sano No otterremo tanti Si". "Fare un censimento delle persone sulla base delle loro origini etniche violerebbe apertamente gli standard europei e internazionali sui diritti umani", ha dichiarato Dunja Mijatovic, commissario dei diritti umani del Consiglio d'Europa, che ritiene le parole pronunciate dal ministro Salvini "inquietanti" perché stigmatizzano i rom e dividono gli italiani in base alla loro origine etnica.

"Sono allibito dalle polemiche strumentali di alcuni partiti, che pur non vivendo e non essendosi mai occupati di rom, oggi parlano di razzismo". È utile ricordare che tra il 2009 e il 2011 anche il ministro dell'interno leghista Roberto Maroni organizzò una schedatura su base etnica dei rom. Per questa ragione, l'Italia fu condannata dalle autorità europee. "È una questione di giustizia sociale".

A proporlo, spiega il quotidiano, Pierfrancesco Majorino, assessore ai servizi sociali prima con Giuliano Pisapia e ora con Giuseppe Sala.

Altre Notizie