Lunedi, 17 Dicembre, 2018

Tesla Roadster, l’ultima sparata di Musk: "Propulsori-razzo come optional"

ANSA									+CLICCA PER INGRANDIRE ANSA +CLICCA PER INGRANDIRE
Quartilla Lauricella | 13 Giugno, 2018, 12:40

Tesla, l'azienda americana guidata specializzata in auto elettriche, è pronta a compiere un altro passo verso il futuro delle quattro ruote: Elon Musk, infatti, attraverso un tweet, ha annunciato che il prossimo agosto la versione 9 del software Autopilot permetterà di disporre delle complete funzionalità di guida autonoma su Model 3 e Model S.

La Tesla Roadster con il pacchetto SpaceX ospiterà 10 piccoli razzi al posto dei sedili posteriori.

"Il pacchetto optional SpaceX comprenderà circa 10 piccoli propulsori per razzi posizionati in maniera invisibile intorno alla macchina. Questa è una critica valida e giusta mossa contro Tesla finora", scrive Musk, il miliardario visionario che sta dietro anche a Space X. Musk ammette che si tratta comunque di una riorganizzazione "difficile anche se necessaria". Nelle risposte allo stesso cinguettio, il funambolico imprenditore sudafricano ha specificato che nessuna auto a benzina sarà in grado di pareggiare le performance della Roadster.

Una sorta di super bombole ad aria compressa ad altissima pressione, usata per incrementare la spinta vettoriale del veicolo: sarebbero rifornite costantemente da pompe dell'aria connesse al sistema elettrico dell'automobile.

La Tesla Roadster di seconda generazione è stata annunciata come un'auto elettrica dalle prestazioni senza compromessi capace di umiliare qualsiasi auto di serie a combustibile ad un prezzo tutto sommato onesto: 250 mila dollari (inclusa prenotazione) per un'auto capace di raggiungere i 100 km/h in soli 1,9 secondi e i 160 km/h in 8,9 secondi, con una velocità massima di 400 km/h, il tutto con un'autonomia che dovrebbe superare i 1000 chilometri con una singola carica. Tanto che "per chi ama guidare, non c'è mai stata un'auto migliore nella storia. E probabilmente non ce ne sarà mai un'altra", dice con i soliti toni entusiastici Musk. E chissà, di paradosso in paradosso si può arrivare su Marte e certamente una Roadster è già decollata da tempo.

Altre Notizie