Venerdì, 21 Settembre, 2018

Agli Uffizi Leonardo in una nuova sala con tre capolavori

Nuova Sala Leonardo Uffizi Firenze, un'unica sala agli Uffiziper i capolavori di Leonardo
Calogero Calderone | 12 Luglio, 2018, 14:09

Sarà la sala 35 dell'Ala di Ponente delle Gallerie degli Uffizi ad omaggiare il talento di Leonardo. Con oggi si completa così il trittico delle tappe più rilevanti della rivoluzione interna agli Uffizi (oltre agli spostamenti di Leonardo, Michelangelo e Raffaello, c'è da ricordare anche l'allestimento, a inizio anno, delle nuove sale cremisi di Caravaggio, con protagonista la Medusa), annunciata due anni or sono dal direttore Eike Schmidt.

Al centro della sala si ammira l'Adorazione dei Magi, commissionata dai canonici regolari agostiniani per la chiesa di San Donato a Scopeto, e lasciata incompiuta al momento in cui Leonardo partì per Milano, nel 1482. Sabato sera abbiamo inaugurato la mostra dedicata alla Pala Doria rientrata dal Giappone - in sala si trovano infatti il sindaco di Poppi e il direttore del museo giapponese - testimonianza più antica della Battaglia di Anghiari e abbiamo iniziato così, con un po' di anticipo le celebrazioni leonardesche che dal primo gennaio prossimo ci saranno in tutto il mondo.

I tre grandi capolavori di Leonardo da Vinci custoditi dagli Uffizi, la recentemente restaurata Adorazione dei Magi, l'Annunciazione e il Battesimo del Cristo (che l'artista realizzò insieme al Verrocchio) raccolti insieme in una sala esclusivamente dedicata al Genio di Vinci.

Ad inaugurare il nuovo spazio, allestito grazie al sostegno degli Amici degli Uffizi e Friends of the Uffizi galleries, è stato il direttore del museo Eike Schmidt che ha dichiarato: "Il nuovo allestimento non solo è studiato per permettere un tipo di visita lenta, meditata, in cui il visitatore può confrontare le opere e capire l'evoluzione stilistica di Leonardo giovane, ma rendeanche giustizia alla storia dell'arte, collocando le opere dell'artista immediatamentedopo le sale dedicate al '400 fiorentino".

Sulla parete di fronte è esposta l'Annunciazione, proveniente dalla chiesa di Monteoliveto, con un angelo così reale e materiale da proiettare la propria ombra sul prato fiorito, mentre atterra, chiudendo le ali, chiaramente studiate dal vero su quelle degli uccelli.

Commenta Schmidt: "Questo dà la possibilità ai visitatori di vedere insieme le opere e fare dei confronti".

Maria Vittoria Rimbotti Colonna, presidente delle associazioni Amici degli Uffizi e Friends of the Uffizi afferma con legittimo orgoglio: "Questa nuova sala segna il culmine nella storia della nostra associazione". Per gli Amici degli Uffizi aver potuto collaborare al restauro del capolavoro di Leonardo da Vinci e al riallestimento della sala, insieme ai Friends, è stata un'esperienza ricca di grandi emozioni e di scoperte.

Altre Notizie