Domenica, 18 Novembre, 2018

Calciomercato Roma, Monchi chiude a Chiesa: "Piace ma non c'è possibilità"

Monchi: “Chiesa mi piace ma non c’è possibilità di prenderlo” Roma, Monchi: "Alisson? Tutto ha un tempo. Abbiamo un centrocampo forte"
Iona Trifiletti | 10 Luglio, 2018, 17:54

Sembrava a un passo dalla Lazio, ma poi ha scelto la Roma. "All'Atalanta sono arrivato nel momento giusto, dove ho potuto esprimere al meglio il mio potenziale, aiutato dall'ambiente e dall'allenatore. Quando c'è stata l'occasione sono corso qui". Fare un bel calcio, pressione alta. "Avrò tempo per lavorarci bene e seguire le sue indicazioni".

Aumentare quota gol. "Il mio obiettivo è fare il meglio possibile a livello di prestazioni".

"Abbiamo un buon centrocampo, ma non so se è il migliore". Mi ha fatto una bella impressione: ha fatto un gran lavoro e i risultati in campionato e in Champions lo hanno dimostrato. "Penso a me stesso e fare bene". Tutto ha un tempo.

Mister Gasperini lo sappiamo che è un bravissimo allenatore, soprattutto coi giovani, dà una grossa mano a crescere ancora di più. A parte il lavoro e il gioco che ha non ci sono pozioni magiche. Adesso sono i primi giorni, ce ne sono tanti, davvero tanti forti.

Ero un giovane di 18 anni che arrivava in uno dei top club europei, non sono andato lì con l'obiettivo di diventare un titolare fisso. Lavorando e crescendo si può fare bene in ogni squadra. Durante la conferenza stampa organizzata per la presentazione del nuovo acquisto giallorosso Bryan Cristante, ha risposto alla domanda del giornalista sul mercato della società. "In entrata no c'è nulla per ora, visto che siamo tanti. Alisson? Tutto ha un tempo". Quest'anno potrebbe essere Pastore?

Pellegrini rimarrà: "Ho letto con piacere le sue dichiarazioni fatte a Villa Stuart, il fatto che non abbia intenzione di partire è motivo d'orgoglio, così come l'avere in squadra le prossime mezzali della nazionale italiana".

Cosa ti ha chiesto il mister in questi primi allenamenti? Ho fatto le mie esperienze, mi hanno dato tutte quel qualcosina in più. "Difficile sì, ma non impossibile". Dobbiamo lavorare insieme. Credo che dopo un anno di partite il nostro obbligo è fare riflessioni su quello che è mancato.

Altre Notizie