Giovedi, 15 Novembre, 2018

Johnny Depp: denuncia per violenza sul set di "City of Lies"

Johnny Depp e Forest Whitaker in una scena del trailer di City of Lies HDFilmNation Entertainment Johnny Depp e Forest Whitaker nel film City of Lies
Calogero Calderone | 12 Luglio, 2018, 14:11

L'attore dovrà difendersi in tribunale. Depp avrebbe continuato a urlare contro Brooks fino a quando le sue guardie del corpo non avrebbero provveduto ad allontanarlo. Brooks avrebbe sostenuto di essere stato preso a pugni dal divo, durante la lavorazione della pellicola, un fatto che risalirebbe all'aprile del 2017. Prima che potesse arruolare l'aiuto dell'ufficiale, tuttavia, Brooks sostiene che Depp si sarebbe avvicinato a lui iniziando ad attaccarlo, urlandogli rabbiosamente in faccia ' Chi c...o sei? Oggi la causa si è avviata, ma dalla parte dell'attore si scaglia il regista Brad Furma: "I film possono essere stressanti e spesso i non-eventi vengono esagerati".

Gli orari concessi dai gestori della struttura però non sono stati rispettati del cast e il manager è stato più volte ripreso. Dopo gli abusi dovuti al consumo di alcol e il rischio più che concreto di bancarotta, ieri è arrivata anche una denuncia alla polizia per aver picchiato un location manager, Gregg "Rocky" Brooks.

Tornando invece a City of Lies, è un film molto atteso, di cui qualche settimana fa è uscito il primo trailer.

Secondo la causa, i permessi per le riprese esterne all'albergo erano inizialmente fino alle 7 di sera. e dentro l'hotel fino alle 10 di sera. Brooks dice che gli è stato ordinato di informare Johnny Depp circa la richiesta, ma che voleva che un ufficiale della polizia di Los Angeles lo assistesse perché sapeva che Depp "poteva esserne sconvolto". Denuncia che ora è arrivata e che si va ad aggiungere ai problemi pare ormai senza fine del "povero" Depp.

Non pago del suo sconsiderato gesto, l'attore gli avrebbe poi urlato in faccia: ti do 100.000 dollari per tirarmi un pugno in faccia. Tre giorni dopo l'episodio, la produzione avrebbe invitato Brooks a firmare un documento in cui assicurava di non sporgere denuncia per quanto accaduto.

Altre Notizie