Domenica, 16 Dicembre, 2018

Marchionne lascia, Ferrari sarà guidata da Louis Carey Camilleri

Chi è Mike Manley il nuovo amministratore delegato di Fca al posto di Marchionne Chi è Mike Manley il nuovo amministratore delegato di Fca al posto di Marchionne
Iona Trifiletti | 22 Luglio, 2018, 08:06

Il nuovo capo di Fca è stato amministratore delegato Jeep dal 2009 e dal 2015 di Ram i due marchi di maggior successo del gruppo.

Per la successione di Marchionne in Fca si è sempre parlato di una scelta interna. Sono profondamente addolorato per le condizioni di Sergio. La notizia è stata rivelata dall'ANSA nelle scorse ore che a sua volta ha citato il sito specializzato Automotive News.

Marchionne ha avuto serie complicazioni dopo un intervento chirurgico: "Non potrà riprendere il suo lavoro", comunica Fca.

"Per tanti Sergio è stato un leader illuminato, un punto di riferimento ineguagliabile".

Dal 2011 è anche membro del Group Executive Council, il Gec, l'organismo decisionale di Fca che risponde soltanto al consiglio d'amministrazione. Ferrari ha seguito questa dichiarazione confermando che Marchionne sarebbe stato sostituito come CEO daLouis C. Camilleri, mentre l'attuale vicepresidente John Elkann assumerà la presidenza.

Il Consiglio ha quindi deciso di nominare John Elkann Presidente e proporrà all'assemblea degli azionisti, che verrà convocata prossimamente, di nominare Louis C. Camilleri Amministratore Delegato.

Cmailleri, 63 anni e noto alle cronache mondane per la sua relazioen con la top model Naomi Campbell, vanta una carriera manegeriale di prim'ordine, spesa tra i colossi Kraft Food e Philip Morris, prima di approdare nel board della stessa Ferrari. Suzanne Heywood è invece il nuovo presidente di Cnh Industrial. Nato a Chieti il 17 giugno 1952, Marchionne è figlio di un maresciallo dei Carabinieri (circostanza ricordata nella sua ultima uscita pubblica, lo scorso 26 giugno a Roma, presso il Comando dell'Arma di Viale Romania) e di una giovane istriana. E se Ferrari è ormai un gioiello apprezzato dagli investitori di tutto il mondo (dalla quotazione avvenuta nel 2016 il valore del titolo si è triplicato), i compiti che aspettano Manley sono molto più impegnativi. Il responsabile del brand Jeep succede a Sergio Marchionne alla guida di Fiat Chrysler, che lascia con un anno di anticipo rispetto alle previsioni. L'impero della famiglia Agnelli era oggetto di vertici di governo e riunioni segrete a via XX Settembre organizzate dall'allora ministro Tremonti su piani di nazionalizzazione.

Mike Manley, classe 1964, era tra i papabili per sostituire Marchionne fin dall'annuncio della sua dipartita dal Gruppo entro la fine del 2018.

Certo, niente a che vedere con i numeri del 2003, quando le vendite di Fiat Auto si fermavano a 1,7 milioni di unità.

Sergio ha restituito un valore all'italianità della squadra, rinunciando ai tecnici di grido, per affidare la Gestione Sportiva a Mattia Binotto che è stato bravo a trovare nuove idee ed energie fresche nelle seconde e terze linee del Cavallino. In questa operazione il manager venuto da Chieti ha incassato la fiducia dei mercati finanziari per i quali è una autentica star.

Altre Notizie