Giovedi, 19 Luglio, 2018

Pensioni quota 41, dal prossimo anno cambierà. Come? Riforma dal 2020

Simona Granati- Corbis via Getty Images Simona Granati- Corbis via Getty Images
Quartilla Lauricella | 10 Luglio, 2018, 18:51

Ma per la prima pare ci siano tempi duri.

La proposta dei partiti di Governo in tema di pensioni prevede, oltre alla quota 100, anche l'uscita con i soli anni di contributi, ovvero con la quota 41 nella quale rientrano i lavoratori precoci, ovvero i contribuenti che abbiano iniziato a lavorare mediamente prima dei 19 anni di età. Adesso tra la proposta leghista e quella grillina serve trovare una mediazione. Dal 2019 saranno necessari 5 mesi in più.

Infatti, mentre da una parte gli esperti della Lega hanno stimato un risparmio di circa 120 milioni di euro con il ricalcolo degli assegni superiori ai 5.000€ (200 milioni nel caso in cui il taglio coinvolgesse anche gli assegni di oltre 4.000€), introducendo il contributo di solidarietà si potrebbero recuperare dagli 1 ai 2 miliardi di euro.

Ma in cosa consiste il contributo di solidarietà?

In questo modo chi percepisce un assegno molto basso contribuirebbe in maniera inferiore, mentre chi ha una pensione considerata "d'oro" subirà un taglio maggiore (ma Brambilla non ne specifica una percentuale).

A cosa servirà il contributo di solidarietà? . Le risorse andranno su due fondi: uno dedicato alla "non autosufficienza", l'altro invece ai lavoratori deboli.

E' quanto scrive Il Messaggero di oggi sulla base dei calcoli dei dati contributivi fatti dalla società Tabula, guidata da Stefano Patriarca, fino a poco tempo fa consulente del Governo proprio per i temi legati alle pensioni.

Altre Notizie