Domenica, 23 Settembre, 2018

Ronaldo alla Juventus: la protesta degli ex operai Fca

Operai in attesa del turno di lavoro all’esterno dello stabilimento di Pomigliano Operai in attesa del turno di lavoro all’esterno dello stabilimento di Pomigliano
Calogero Calderone | 12 Luglio, 2018, 17:42

Una strana coincidenza: qualche giorno fa, si era diffusa la bufala dell'operaio della Fiat che si lamentava perché, in busta paga, aveva avuto un taglio di 300 euro con la causale acquisto di Cristiano Ronaldo.

I tifosi juventini gongolano e sognano ad occhi aperti la conquista della Champions, ma da Melfi, stabilimento Fiat, l'Unione Sindacale di Base (USB) non ci sta e dalle ore 22 di domenica 15 luglio alle ore 6 di martedì 17 luglio 2018 ha indetto uno sciopero per contestare la decisione maturata dalla famiglia Agnelli di effettuare tale operazione economica, in contrapposizione per quanto concerne la condizione dei dipendenti Fiat, per i quali è stata attuata una politica di ferrea attenzione sui costi. La polemica è relativa all'acquisto per circa 117 milioni di euro del pallone d'oro in carica portoghese Cristiano Ronaldo, oltre ai 30 milioni di euro a stagione - per quattro stagioni - da corrispondere per l'ingaggio.

Un pesante attacco ai vertici di Fca quello del sindacato: "Ci viene detto che il momento è difficile, che bisogna ricorrere agli ammortizzatori sociali in attesa del lancio di nuovi modelli che non arrivano mai".

"E mentre gli operai - continua il comunicato - e le loro famiglie stringono sempre più la cinghia la proprietà decide di investire su un'unica risorsa umana tantissimi soldi!" E' giusto tutto questo? Una cifra sicuramente elevata ma nemmeno troppo se si pensa all'incredibile ritorno d'immagine (e, in seconda battuta, anche economico) che l'arrivo di una vera e propria star mondiale porterà nelle casse dei bianconeri. Questa disparità di trattamento non può e non deve essere accettata.

"Gli operai Fiat hanno fatto la fortuna della proprietà per almeno tre generazioni - conclude il comunicato Usb - arricchiscono chiunque si muova intorno a questa società, e in cambio hanno ricevuto sempre e soltanto una vita di miseria". La proprietà dovrebbe investire in modelli auto che garantiscano il futuro di migliaia di persone piuttosto che arricchirne una soltanto, questo dovrebbe essere il fine di chi mette al primo posto gli interessi dei propri dipendenti.

Altre Notizie