Giovedi, 15 Novembre, 2018

Salvini vuole chiudere i porti anche alle navi militari Ue

Il ministro dell'Interno Matteo Salvini Il ministro dell'Interno Matteo Salvini
Evandro Fare | 09 Luglio, 2018, 01:38

"Dopo aver fermato le navi delle Ong - dice il ministro dell'Interno - giovedì porterò al tavolo europeo di Innsbruck la richiesta italiana di bloccare l'arrivo nei porti italiani delle navi delle missioni internazionali attualmente presenti nel Mediterraneo". Si trovavano a bordo della nave militare irlandese Samuel Beckett, che a differenze delle imbarcazioni delle Organizzazioni Non Governative non ha incontrato nessuna difficoltà ad attraccare in Italia.

Lo rende noto il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini che la prossima settimana parteciperà al primo vertice dei ministri degli interni Ue nel corso del semestre a presidenza austriaca.

E proprio domattina Salvini, dopo la bufera sui conti della Lega che ha innescato tensioni con la magistratura, è atteso al Colle dal presidente Sergio Mattarella e se il tema giudiziario non è assolutamente in agenda, come messo in chiaro da fonti del Quirinale, si parlerà invece di sicurezza e migranti. Ma è scontro con la Difesa: "Eunavformed è una missione europea ai livelli Esteri e Difesa, non Interni". L'azione, sottolineano le fonti, in riferimento alle parole di Salvini, "deve essere coordinata a livello governativo, altrimenti l'Italia non ottiene nulla oltre a qualche titolo sui giornali, fermo restando che la guida italiana per noi è motivo di orgoglio". Forte dei sondaggi che lo danno costantemente in salita anche grazie alle sue politiche del '#primagliitaliani', il capo del Viminale si presenterà dunque a Innsbruck non solo per ascoltare i colleghi di Germania e Austria che cercheranno di convincere l'Italia a riprendersi i migranti che varcano i confini, ma soprattutto per aumentare l'altezza di quel muro simbolico che vorrebbe erigere tra l'Italia e l'Africa.

Sulla gestione dei migranti e la tutela delle frontiere esterne della Ue, Salvini ha già tessuto la sua tela.

"Purtroppo - proseguescrive Salvini nel post su Twitter - i governi italiani degli ultimi 5 anni avevano firmato accordi perché tutte queste navi scaricassero gli immigrati in Italia". "Abbiamo accolto a Messina 106 migranti salvati da nave Eunavformed. Quello migratorio non può più essere solo un problema italiano, sennò rischia la Ue".

Concorda sulla linea del vicepremier il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli, secondo cui l'accoglienza dei 106 migranti è imposta da "un folle accordo europeo Sophia con cui Renzi ha svenduto interessi Italia". Con accordi di Sophia e Themis si ridistribuiscono in Ue costi e responsabilità dei salvataggi.

Da primi riscontri sembra che il primo soccorso sia avvenuto in zona Sar libica nella notte fra il 4 e il 5 luglio, poche ore dopo che il gommone era partito da Garabulli. Il pattugliatore irlandese, dopo aver effettuato il soccorso, ha chiesto a Roma il permesso di sbarcare i migranti, e dal Viminale è arrivata l'indicazione di Messina.

Altre Notizie