Giovedi, 19 Luglio, 2018

Thailandia, tutti salvi: incubo finito per ragazzi e allenatore

Attesa finita inizia il recupero dei baby calciatori Thailandia, salvati i primi sei ragazzi intrappolati nella grotta
Evandro Fare | 11 Luglio, 2018, 13:07

Si chiamano Prajak Sutham e Nattawut Takamsai, hanno entrambi 14 anni. Un paio di bambini ha riportato qualche lieve ferita, mentre due soffrono di leggere infezioni polmonari. Si tratta del sesto portato in salvo dopo i 4 recuperati nell'operazione di soccorso ieri ed un altro uscito dalla grotta stamane. Attorno alle ore 14.10 è stato estratto da Tham Luang anche l'ottavo ragazzo a livello complessivo dall'inizio dei soccorsi scattati ieri mattina.

Il successo di un recupero che solo tre giorni fa sembrava ancora irrealizzabile è stato ben più di un sospiro di sollievo su scala nazionale.

Secondo gli ultimi aggiornamenti, sono stati portati in salvo 8 ragazzi. Salvati dunque i dodici ragazzi e il loro allenatore. Le operazioni sono cominciate alle 5, ora italiana. L'operazione si concluderà tuttavia con la riemersione di quattro soccorritori, tra cui un medico, rimasti con la squadra di calcio dal suo ritrovamento.

"Non siamo sicuri se questo è stato un miracolo, o la scienza, o qualcos'altro" hanno scritto i Thai Navy Seal, i soccorritori che hanno operato sul posto per recuperare i prigionieri della montagna.

Si sa che i ragazzi erano stremati e che ora vengono alimentati con cibi leggeri e integratori ma sono tutti sulla via del recupero.

Thailandia, le ambulanze con i primi due ragazzi estratti dalla grotta Le ambulanze con i primi due ragazzi usciti in superficie hanno lasciato il campo base all'entrata della grotta Tham Luang per dirigersi verso gli elicotteri in stand by in un prato lì vicino. Il percorso studiato dai sommozzatori prevede un tratto lungo quattro chilometri che i ragazzi devono percorrere a piedi con l'acqua alta, a eccezione di una pericolosa strettoia da affrontare, con l'aiuto dei sommozzatori, in immersione.

Nonostante la difficilissima situazione in cui si trovano ancora i ragazzi thailandesi, c'è grande comprensione da parte dei partenti dei giovani calciatori intrappolati nella grotta, nei confronti dell'allenatore che aveva organizzato l'escursione. Le postazioni sono dotate di macchinari per effettuare radiografie e controlli della temperatura.

Altre Notizie