Martedì, 25 Settembre, 2018

Tutto pronto per i saldi, la Confesercenti: fate attenzione

Saldi estivi in partenza: le attese dei commercianti, c'è ottimismo a Genova Orzinuovi: saldi in anticipo, si comincia giovedì 5 luglio
Quartilla Lauricella | 09 Luglio, 2018, 21:13

Saldi estivi al via in tutta l'Italia.

Pagamenti elettronici. Nei negozi che espongono in vetrina l'adesivo della carta di credito (o bancomat), il commerciante è obbligato ad accettare queste forme di pagamento anche per i saldi, senza oneri aggiuntivi. E, dopo una stagione di consumi non esaltante e nonostante un incipiente 'dittatura del digitale' con il crescere delle vendite online, le previsioni di vendita sono pressoché in linea con quelle del 2017.

Il centro saldi della Confesercenti Nazionale stima che almeno il 35% delle famiglie italiane approfitterà degli sconti con una spesa media nella provincia di Salerno di circa 85 euro a persona per una spesa complessiva di circa 64 milioni di euro di vendite. È rimesso alla discrezionalità del negoziante.

Se avete prove del fatto che gli sconti non siano reali perché i prezzi sono stati alzati prima dei saldi oppure se avete dubbi potete contattatare la Polizia annonaria del vostro Comune di residenza.

E' partita anche nel Molise la corsa ai saldi.

- non si ha diritto a cambio merce per aver cambiato idea o sbagliato la taglia, a meno che il commerciante, di sua iniziativa, non abbia deciso di farlo e lo abbia comunicato all'acquirente. Croce e delizia per i commercianti che possono smaltire le collezioni, a volte storcendo il naso per saldi che arrivano sempre troppo presto; e per il pubblico, dove se da un lato si rinnova il guardaroba, dall'altro si rischia di acquistare il superfluo o peggio, l'inutile. In questo caso scatta l'obbligo del negoziante di provvedere alla riparazione o alla sostituzione. Il compratore è però tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto.

Entrerà in un negozio che trabocca di gente con la scusa di dare la rinomata 'occhiata' agli scaffali stracolmi; osserverà la merce con l'indolenza tipica di chi vuole convincere se stesso che quel ribasso al 50% stampato sul cartellino proprio non gli fa effetto; entrerà nel camerino con il braccio a mo' di attaccapanni "per vedere di nascosto l'effetto che fa"; infine, davanti a uno specchio che riflette l'espressione compiaciuta per i risultati della dieta iniziata ieri, andrà via dal negozio con la sua bella busta di acquisti "meritati".

Prodotti in vendita: i capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo. Un dato particolarmente interessante che emerge dal sondaggio che l'associazione ha commissionato a SWG riguarda le percentuali di sconto che i negozianti applicheranno fin dal primo giorno di vendite.

Altre Notizie