Domenica, 19 Agosto, 2018

Decreto dignità, adesso è legge: ecco cosa cambia

Il Decreto Dignità è legge. E in Senato scatta la bagarre Il decreto dignità è legge Ecco tutti i contenuti
Quartilla Lauricella | 09 Agosto, 2018, 07:43

Nel conto rientrano anche in contratti in somministrazione che, se fraudolenti, comportano una multa di 20 euro al giorno. Sono esclusi dall'aggravio i contratti per colf e badanti.

I contratti a termine che superano i 12 mesi e per i quali non vengono riportate le causali (le motivazioni che rendono plausibile l'assunzione a termine) diventano automaticamente di durata indeterminata. Per questi ultimi valgono in generale le stesse regole dei contratti a termine, tranne il caso dei rinnovi per cui è previsto un periodo obbligatorio di intervallo (il cosiddetto "stop and go").

LavoroViene esteso fino al 2020 il bonus del 50% sui contributi per chi assume under 35, le norme precedenti prendevano in considerazione solo gli under 30. La norma prolunga la misura che altrimenti, a partire dal 2019, sarebbe stata riservata solo ai lavoratori sotto i 30 anni.

Tornano i voucher in agricoltura.

Rispetto agli incentivi contenuti nella legge di Bilancio del 2018, il Decreto Dignità non prevede limitazioni in riferimento ai licenziamenti effettuati nei 6 mesi precedenti e nei 6 mesi successivi all'assunzione agevolata. Estesa a tutto il 2018 la compensazione delle cartelle esattoriali per i crediti commerciali delle imprese nei confronti della pubblica amministrazione. Anche il beneficio andrà restituito con interessi maggiorati fino a cinque punti. Le somme derivanti dalle sanzioni applicate alle aziende che delocalizzano prima del termine saranno riassegnate a un fondo finalizzato alla riconversione dei siti produttivi andati in disuso a causa delle stesse delocalizzazioni. Nel frattempo verrà indetto un concorso straordinario per l'ammissione in ruolo, nel tentativo di porvi rimedio.

Salta il tetto dei 36 mesi per i contratti a tempo determinato della scuola: personale docente, educativo, amministrativo, tecnico e ausiliario. Sarà aperto anche ai laureati in Scienze della formazione primaria. Condividendo l'importanza dell'obiettivo di lotta all'azzardopatia fissato dal Governo, le rappresentanze del mondo sportivo italiano hanno apprezzato la decisione del Parlamento di inserire in legge un impegno del Governo per una riforma complessiva in materia di giochi per eliminare i rischi connessi alla malattia da gioco d'azzardo e contrastare il gioco illegale e le frodi a danno dell'erario derivanti dal gioco illegale. Sarà obbligatorio usare la tessera sanitaria per poter accedere alle slot e agli apparecchi in modo da impedire l' accesso dei minori. Previsto anche l'aumento del prelievo erariale su slot e VLT già previsto dal 1° settembre per "coprire" gli effetti finanziari del divieto di pubblicità dei giochi.

Altre Notizie