Mercoledì, 19 Settembre, 2018

Genova, 40 morti nel crollo del ponte

Fiorentino morto nel crollo del ponte di Genova: chi era Due vittime siciliane nel crollo del ponte di Genova
Quartilla Lauricella | 16 Agosto, 2018, 19:07

Io non posso sapere cosa sia accaduto, posso dire però che non credo al fatalismo che considera incontrollabile la forza della natura, dei fulmini e della pioggia. Sono proprio i vigili del fuoco che entrano nelle case a rischio crollo per prendere medicinali e materiali urgenti mentre nelle case non a rischio diretto di crollo accompagnano i cittadini a ritirare gi effetti personali. In realtà, come dimostrato anche dal blogger e nemico dei 'bufalari', si tratta di altri ponti situati in altre zone d'Italia, come quello di Ripafratta, in provincia di Pisa, oppure, senza spostarsi di molto dal capoluogo ligure, il pilone collocato su una zona franata nel 2014, sull'A26 tra Genova e Gravellona Toce. Tra questi tre minori, rispettivamente di 8, 12 e 13 anni. Sedici il numero dei feriti ricoverati negli ospedale, tra cui 12 in codice rosso e 639 gli sfollati: una persona è stata infatti dimessa nella tarda serata di ieri. Si scava ancora per trovare i dispersi: nelle ultime ore sono state estratte altre due persone che non sono state ancora identificate. Sono loro che daranno l'allarme. All'elenco vanno aggiunte anche una decina di persone disperse. Una parte del ponte piomba sulla sottostante via Fillak, travolgendo una struttura dell'Amiu, l'azienda ambientale del comune di Genova.

Per chi è diretto al Porto/Aeroporto di Genova e proviene da Ventimiglia, percorrere la A10 ed uscire allo svincolo di "Genova Aeroporto". Si temono vittime, presenti anche le squadre cinofile e Usar, gli esperti di ricerca e soccorso tra le macerie urbane. Intanto la procura ha avviato un'inchiesta per disastro colposo e omicidio plurimo. Un fascicolo al momento contro ignoti, "perché ancora non conosciamo il perimetro della tragedia".

Nel frattempo, ci sono da gestire oltre 600 sfollati, dalle 11.50 di martedì 14 agosto hanno dovuto abbandonare le loro case. Solo pochi minuti prima della tragedia avevano chiamato la ditta di pulizie per la quale lavoravano per avvertire del contrattempo e assicurare che si stavano affrettando. Dove il premier ha prima tenuto un vertice con protezione civile, autorità locali e i ministri Di Maio e Toninelli. Il ponte sarebbe stato "monitorato dalla Direzione di Tronco di Genova (che fa parte di Autostrade, ndr) con cadenza trimestrale secondo le prescrizioni di legge e con verifiche aggiuntive mediante apparecchiature altamente specialistiche", anche attraverso "società ed istituti leader al mondo in testing ed ispezioni", e l'esito ha sempre fornito "adeguate rassicurazioni".

Come già detto, il servizio della Metropolitana è esteso anche alle ore notturne.

Lo annuncia ilpresidente della Regione Liguria Giovanni Toti nella sederegionale della Protezione Civile in un punto stampa insieme alcapo della Protezione civile Angelo Borrelli.

Altre Notizie