Domenica, 19 Agosto, 2018

Orrore a Torino: "Violentata da mio figlio allucinato da crack"

«Aiuto, sono stata violentata da mio figlio in preda ai fumi del crack» La denuncia di una madre: "Violentata per ore da mio figlio tossicodipendente"
Evandro Fare | 09 Agosto, 2018, 16:55

Un uomo di 30 anni è stato arrestato dalla polizia dopo la telefonata della madre che alla centrale operativa ha raccontato di essere stata violentata dal figlio.

Una donna denuncia di essere stata abusata sessualmente dal figlio, in preda alle allucinazioni da crack.

Sulla vicenda, anticipata dalle pagine locali del quotidiano La Stampa, la procura ha aperto un'inchiesta affidando le indagini alla polizia.

Il giovane, quando è stato interrogato, si è professato innocente e non ha dato alcuna spiegazione. La vittima, invece, si trova in un centro antiviolenza negli ambulatori del Sant'Anna di Torino.

Violentata a ripetizione dal figlio, che l'ha segregata in casa per ore intere. L'episodio si è verificato qualche giorno fa: il ragazzo è stato arrestato ed è già stata effettuata l'udienza di convalida della misura cautelare.

Secondo una prima ricostruzione, l'incidente verificatosi a Brancaleone potrebbe avere avuto origine dal fatto che la bambina sarebbe sfuggita di mano alla madre mentre insieme a lei ed al fratellino di 12 anni attraversavano i binari.

Le tre ore di violenza, secondo gli investigatori, sono stati ricostruiti in maniera dettagliata nella testimonianza della donna. Solo quando si è addormentato sono riuscita a fuggire.

E ancora: "Stavo per uscire di casa, per andare a lavorare, quando lui mi ha aggredito in cucina". "Mi ha minacciata. Sembrava un altro, non era mio figlio". Era fuori si sé. "Ho preso il telefonino dalla borsa ed ho chiamato la polizia". E proprio l'analisi del Dna, del materiale ritrovato sui suoi vestiti e su quelli del figlio, servirà a fissare le prove. Seguito dal suo avvocato Roberto Franco, ha respinto ogni accusa.

Altre Notizie