Sabato, 20 Ottobre, 2018

Luca Parmitano va Oltre: presentata la missione Beyond

Parmitano presenta il logo la sua nuova missione Parmitano presenta il logo la sua nuova missione
Bortolo Musarra | 28 Settembre, 2018, 16:51

Si chiama Beyond, 'Oltre' in italiano, la nuova missione di Luca Parmitano, l'astronauta dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa) che per la seconda volta affronterà lo spazio. L'annuncio è arrivato nel giorno in cui AstroLuca compie 38 anni, nell'incontro organizzato dal centro dell'Esa in Italia, l'Esrin, che ha sede a Frascati (Roma).

Incarico importante. Alla robotica sarà dedicato gran parte del lavoro scientifico di AstroLuca, che per 3 mesi, nella seconda metà della missione, sarà anche comandante di missione: è la terza volta per un astronauta europeo, e la prima per un italiano.

Oltre al nostro connazionale, l'equipaggio sarà composto composto dall'astronauta Nasa Andrew Morgan e dal cosmonauta russo Alexander Skvortsov.

Parmitano, tenente colonnello dell'Aeronautica Italiana, è diventato astronauta dell'Esa nel 2009 e nel 2013, con la missione Volare dell'Agenzia Spaziale Italiana, ha vissuto 166 giorni nello spazio, realizzato due attività extraveicolari Eva -primo italiano- ed ha assistito all'attracco di ben 4 navette sulla Iss.

L'Esa ha voluto celebrare Parmitano donandogli una fotografia della sua Sicilia vista dallo spazio.

Scopo e filo conduttore dei 50 e più esperimenti previsti sarà contribuire a rendere sicuri ed efficienti i viaggi spaziali di domani: per esempio attraverso esperimenti utili a sviluppare tecnologie che porteranno uomo e robot di nuovo sulla Luna, e più avanti in orbita e su Marte.

Il logo della missione Beyond è tanto semplice quanto eloquente: un cerchio che rappresenta il casco di un astronauta racchiude sulla destra l'immagine della Terra e della sua orbita, percorsa dalla Stazione Spaziale, e sullo sfondo tre cerchi concentrici, simbolo dei prossimi obiettivi dell'esplorazione spaziale.

Con la missione "spero di ispirare anche i nostri leader politici", ha detto Parmitano. Da "Proxima" di Thomas Pesquet, che suggeriva qualcosa di vicino, a "Horizons" di Alexander Gerst, nuovi e ampi orizzonti, Parmitano ha immaginato un percorso che porti la scienza spaziale oltre, a vantaggio di tutti. "Il mio obiettivo sarà quello di mettere tutti nella condizione di esprimersi al meglio delle loro capacità". "Oltre - spiega l'Esa - c'è il Pianeta Rosso, al momento oggetto di studio delle missioni ExoMars e Mars Express e un giorno direttamente dell'uomo".

Altre Notizie