Domenica, 16 Dicembre, 2018

Tricloetilene in acqua minerale, ecco i lotti ritirati dal Ministero della Salute

Acqua in bottiglia Fonte Itala contaminata da tricloroetilene: tutti i lotti ritirati Ritirati dal mercato alcuni lotti di acqua minerale: contiene trielina o tricloroetilene in quantità pericolose
Moreno Priola | 25 Settembre, 2018, 07:22

Disposto dal Ministero della Salute il ritiro di alcuni lotti di acqua minerale naturale Fonte Itala. Precisa, inoltre, che "il richiamo si riferisce solo ed esclusivamente all'acqua minerale limitatamente ai lotti indicati". Il ritiro è scattato a causa della presenza di tricloroetilene in concentrazioni che superano i limiti stabiliti dalle norme. Le confezioni richiamate sono le classiche bottiglie in PET da 1,5 litri. Nel caso in cui le bottiglie acquisatte rispondono ai lotti segnalati vanno riportate nei punti vendita oppure scartate nei rifiuti.

È stata individuata acqua minerale contaminata da tricloetilene. Per fornire altri dettagli, si consideri che l'acqua è stata imbottigliata presso lo stabilimento di contrada La Francesca, ad Atella (in provincia di Potenza). La raccomandazione rilasciata dal Ministero è quella di controllare se si sono acquistate bottiglie di acqua con questi numeri di lotto e di non consumarla assolutamente.

Il motivo del richiamo è la presenza di Tricloroetilene (o Trielina) in concentrazioni superiori a quelle previste dall'allegato II del Decreto Ministero della Salute 10/02/2015 e, in particolare, per il valore di 0,2/l.

La trielina, o tricloroetilene, è un solvente chimico e una sostanza tossica e cancerogena. Le conseguenze più comuni sono: depressione del sistema nervoso centrale, danni al fegato e ai reni, maggiore incidenza della leucemia. L'ordine è partito dal Ministero della Salute in seguito ad alcuni controlli che non hanno dato esito positivo. "Studi di cancerogenicità hanno evidenziato che l'esposizione per via inalatoria e per somministrazione orale induce nei topi sia maschi che femmine un incremento di carcinomi epatocellulari".

Altre Notizie