Lunedi, 15 Ottobre, 2018

Arnold, Smith e Winter vincono il Nobel per la chimica 2018

Chimica il Nobel ambientalista ad Arnold Smith e Winter Un Nobel alla chimica «verde»
Moreno Priola | 05 Ottobre, 2018, 14:07

Gregory Winter invece utilizzò lo stesso sistema per l'evoluzione diretta degli anticorpi, con l'obiettivo di produrre nuovi farmaci.

Frances H. Arnold nel 2013 si era aggiudicata anche il premio Eni Award 2013 per le Energie Rinnovabili Directed Evolution of Enzymes and Pathways for Renewable Fuels and Chemicals. La chimica della vita è programmata nei geni e viene quindi trasmessa di generazione in generazione. Sono arrivate un po' più tardi di alcuni uomini, ma sono sorprendenti.

Questa la locandina con la quale l'organizzazione del Nobel ha annunciato i nomi dei vincitori per il 2018.

Sono i composti chimici che hanno permesso lo sviluppo della vita sul nostro pianeta, secondo la teoria dell'evoluzione diretta di Frances Arnold.

Gli altri due scienziati ad aver vinto il premio Nobel per la Chimica 2018 sono due uomini.

Mentre Winter (professore emerito del Laboratorio di Biologia Molecolare del Medical Research Council (Mrc) a Cambridge) si è basato sulle ricerche di Smith (professore emerito dell'Università del Missouri) sui virus che infettano i batteri e li trasformano in fabbriche di proteine, per controllare l'evoluzione degli anticorpi. Ha creato in sostanza una sorta di fabbrica di proteine. "Le scoperte di George Smith e Greg Winter stanno havendo un enorme impatto, in particolare sulla medicina, con anticorpi che hanno minori effetti collaterali e sono piu' efficaci", ha sottolineato Goran Hansson, alla guida dell'Accademia reale svedese delle Scienze.

Le sue ricerche hanno portato alla produzione dell'anticorpo adalimumab, uno dei primi farmaci biologici mai realizzati, approvato per l'uso commerciale nel 20o2 ed utilizzato in diversi ambiti tra cui il trattamento dell'artrite reumatoide.

Altre Notizie