Mercoledì, 21 Novembre, 2018

Corsa contro il tempo per Alessandro.Serve donatore di midollo

Bimbo di un anno e mezzo cerca donatore compatibile di midollo osseo Alessandro ha bisogno del tuo midollo osseo per non morire. Subito!
Moreno Priola | 24 Ottobre, 2018, 19:08

Non avendo trovato nei registri mondiali dei donatori alcuna compatibilità, i genitori hanno promosso una gara di solidarietà in diverse piazze italiane, tra cui piazza Trieste e Trento il prossimo sabato. In casi come quello di Alessandro Maria, è sufficiente il prelievo delle cellule staminali dal sangue periferico e non è necessario il ricovero in sala operatoria per sottoporsi alla trapanatura delle ossa del bacino.

Quando le cose stavano finalmente andando un po' meglio ed ero felice nel trascorrere la mia prima vacanza al mare con mamma e papà, purtroppo ho iniziato a star male di nuovo. Ha un anno e mezzo ma è in pericolo di vita.

La "sentenza" dei medici è stata impietosa: "Trattasi di Linfoistiocitosi Emofagocitica, comunemente conosciuta in medicina come Hlh, una malattia genetica rarissima che colpisce solo lo 0.002% dei bambini, e che non lascia speranze di vita senza trapianto di midollo osseo con un donatore compatibile in tempi rapidissimi".

Sta diventando virale sulle 'piazze' del web, ma anche in quelle reali, l'appello dei genitori del piccolo Alex, bimbo affetto da una rara malattia genetica che necessita di un trapianto di midollo per sopravvivere.

Papà Paolo veneto, mamma Cristiana napoletana: Alessandro Maria ha un anno e mezzo e vive a Londra. L'Admo (Associazione Donatori di Midollo Osseo), sta cercando un donatore con dna compatibile in tutto il nostro paese. "Sono nato alla settimana n. 30 e, sebbene i dottori mi avessero già dato per spacciato, ho combattuto come un ariete (il mio segno zodiacale) contro una serie infinita di complicazioni per essere ancora qua".

Sulla pagina Facebook è stato postato anche un video che spiega bene chi e dove si può fare la donazione di midollo.

Secondo le previsioni dei medici infatti restano ancora non più di 5 settimane per trovare una persona che abbia un midollo compatibile con quello del bambino. Quel che invece si sa purtroppo, è che il 50% dei bambini affetti da questa patologia muore entro il primo mese dalla diagnosi, mentre nei restanti circa un terzo presenta delle problematiche spesso permanenti al sistema neurologico-cerebrale.

L'appuntamento è anzitutto a Milano, oggi e domani, in piazza Sraffa. Il "punto" sarà aperto fino al 25 ottobre dalle 9.30 alle 16.30: i potenziali donatori - che dovranno firmare questo modulo - devono avere tra i 18 e i 35 anni e un peso non inferiori ai 50 chili.

Altre Notizie