Venerdì, 14 Dicembre, 2018

"Ha offeso Salvini, via dalla Rai": la Lega autoritaria contro Cristina Parodi

Cristina Parodi, Lega: “Lasci la Rai, ha offeso Matteo Salvini e fatto propaganda utilizzando il… La Lega chiede le dimissioni della Parodi: "Ha offeso Salvini"
Calogero Calderone | 11 Ottobre, 2018, 14:04

La Lega chiede le dimissioni di Cristina Parodi dalla Rai.

La giornalista italiana Cristina Parodi è finita sulla lista nera della Lega. "Con le sue offese a Matteo Salvini, la giornalista moglie del sindaco Pd di Bergamo, Giorgio Gori, ha utilizzato il servizio pubblico radiotelevisivo a proprio uso e consumo, facendo propaganda politica alla faccia del pluralismo informativo e questo non è giustificabile". Dopo il flop del suo Domenica In della scorsa stagione, Rai Uno è infatti già corsa ai ripari nei suoi confronti, riducendo la presenza di Cristina Parodi nel pomeriggio domenicale. E Cristina Parodi ha confermato, nell'intervista che ha fatto tanto discutere, che Giorgio Gori si ricandiderà come primo cittadino della cittadina lombarda: "Ne abbiamo discusso, ma non credo che sia stata una decisione travagliata".

Criticare l'operato di Matteo Salvini o anche solo esprimere una propria opinione sul perché Salvini e la Lega godano di così tanti consensi non è ancora un reato. Al fatto che molto di quello che era stato promesso non è stato fatto.

Lo ha detto la conduttrice di "La Prima Volta" Cristina Parodi, ospite di Rai Radio 2 alla trasmissione "I lunatici" diretta da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio dall'1.30 alle 6 del mattino. "Giorgio è una persona onesta, sincera, da bergamasco ha iniziato una cosa e ora vuole finirla". "Però principalmente all'arrabbiatura, alla paura e anche un po' all'ignoranza, secondo me". "Fa paura adesso vedere un tipo di politica che è un po' basata dalla divisione, dai muri che si ergono, mentre a me piacerebbe una politica che invece andasse incontro ai più deboli e che aiutasse questo paese a risollevarsi".

Parole che non sono andate giù ad alcuni parlamentari leghisti che hanno annunciato un'interrogazione in commissione di Vigilanza Rai: "Ne chiederemo conto", è l'attacco del Carroccio.

Nello specifico la nota è dei parlamentari Paolo Tiramani, Massmiliano Capitanio, Dmitri Coin, Igor Iezzi, Giorgio Bergesio, Simona Pergreffi e Umberto Fusco.

Altre Notizie