Giovedi, 13 Dicembre, 2018

James Allison e Tasuku Honjo vincono il Nobel per la medicina

Nobel per la medicina a James Allison e Tasuku Honjo per le scoperte nella cura del cancro James P. Allison e Tasuku Honjo hanno vinto il Nobel per la Medicina
Moreno Priola | 04 Ottobre, 2018, 21:37

La maggior parte delle immunoterapie oncologiche agisce specificatamente sui linfociti T, modificando o implementando la funzione del sistema immunitario.

L'enorme valore delle ricerche dei due scienziati, quindi, non risiede tanto né nell'immunologia come disciplina, né nelle due singole proteine che - una a testa - hanno scoperto, quanto nell'aver compreso come "scagliarle" e azionarle in modo da guidare la risposta del sistema immunitario. I diversi approcci si sono rivelati molto produttivi, poichè hanno messo a punto delle terapie innovative nella lotta contro iI cancro. In passato altri esperimenti, come quello di infettare i malati con batteri allo scopo di attivare le difese naturali dell'organismo, hanno avuto effetti assai limitati.

Tasuku Honjo approda negli Usa nel 1971, dove fino al 1974 è stato ricercatore alla Carnegie Institution di Washington (Baltimora) e ai National Institutes of Health di Bethesda, nel Maryland.

James P. Allison ha studiato una proteina che funziona come freno al sistema immunitario e ha capito il potenziale per liberare le cellule che attaccano i tumori.

Quando questi freni sono iperattivati l'immunosorveglianza si riduce.

Allison ha dimostrato che una specifica proteina presente sui linfociti T inattivi, chiamata CTLA-4, è responsabile di una loro ridotta attivazione. E nel 2012 il primo studio clinico ha dimostrato ottimi risultati nel trattamento di pazienti con diversi tipi di cancro, portando a lunghe remissioni anche per pazienti considerati intrattabili con tumori metastatici.

I due ricercatori hanno scoperto come togliere i freni al sistema immunitario per renderlo più potente e in grado di sconfiggere il cancro. L'assegnazione del riconoscimento è dovuta alle "loro scoperte sulla terapia del cancro per mezzo della regolazione del sistema immunitario".

Il cancro uccide nel mondo milioni di persone ogni anno ed è una delle più grandi sfide per la salute dell'umanità.

Un americano e due norvegesi sono invece i vincitori del Nobel nel 2014: John O'Keefe, May-Britt Moser e Edvard Moser sono stati premiati "per le loro scoperte sulle cellule costituenti il sistema di posizionamento nel cervello". I vincitori del premio Nobel 2018 per la medicina, hanno stabilito un principio completamente nuovo per la terapia del cancro. A riferirlo sono cinque nuovi studi pubblicati "Nature" che ampliano il numero dei tumori conosciuti che rispondono alle immunoterapie e aumentano le conoscenze sulle caratteristiche dei tumori che permettono di anticipare il livello di risposta dei tumori alle terapie. Inoltre, non erano affatto chiari né gli esatti eventi cellulari innescati dal legame con gli anticorpi né i loro precisi obiettivi antigenici, ossia le strutture molecolari delle cellule immunitarie a cui si legano.

Altre Notizie