Sabato, 20 Ottobre, 2018

MotoGp Thailandia, Dovizioso: "Secondo, ma molto felice"

ANSA  EPA									+CLICCA PER INGRANDIRE ANSA EPA +CLICCA PER INGRANDIRE
Iona Trifiletti | 08 Ottobre, 2018, 19:07

Il sorpasso su Dovizioso alla curva cinque è folle ma calibrato sul limite preciso che passa tra il tirare una bomba in terra e generare una vittoria meritatissima e senza discussioni. "Con queste gomme, con la gomma dietro che soffre tanto, essere più grande o più alto è uno svantaggio", ha detto Rossi ai microfoni di Sky. "Questa volta ho fatto tutto bene" ha raccontato le battute finali della gara Marc. Ma almeno è stata una gara decente, c'è materiale sufficiente per riguardarla, ci siamo anche noi... Terza piazza per la Yamaha di Maverick Viñales, che chiude davanti al compagno di squadra Valentino Rossi, finito quarto dopo aver condotto il gruppo nei primi giri. "Ma questa volta ce l'ho fatta ed è stato bellissimo".

La Yamaha torna competitiva e Zarco torna a farsi vedere, conquistando un ottimo risultato. Era quasi completamente sparito, è bello rivederlo là davanti. "Ma almeno è stata una gara decente...".

All'inizio sembrava tenere facilmente il ritmo, poi ha cominciato a perdere terreno, ha subito sorpassi senza riuscire a replicare. Ci si aspettava di più. E' in un momento difficile e fatica a reagire: serve una svolta. Io dovevo solo essere più competitivo e crederci fino alla fine.

Rimane sempre la sensazione che non lavori bene in prova per preparare la gara. Quando si aprono due vie opposte i fenomeni sono quelli che sanno far girare il destino e la moto sull'opzione buona, come una metafora della vita.

Da segnalare il cambio di moto per Pedrosa prima della gara, e poi si può cominciare. La prestazione di Dovizioso conferma la crescita costante di una moto che, ormai, se la gioca ovunque. La Thailandia ha portato soprattutto un po' di morale, che non fa mai male, ma non la soluzione della mancata competitività.

Leggermente inferiore alla Yamaha, ma forse solo nel risultato finale: anche qui è sembrata efficace. Lo spagnolo ha letteralmente dominato la prima sessione, creando un abisso con gli altri piloti e ha continuato a spingere al massimo anche nella seconda, trovando al penultimo giro il tempo vincente.

Altre Notizie