Giovedi, 13 Dicembre, 2018

Ora le accuse di Ruby. Calda notte con CR7: "Pagata 4mila euro"

Yamamay difende Cristiano Ronaldo Vicenda inverosimile Le prove sul presunto stupro di Cristiano Ronaldo
Calogero Calderone | 10 Ottobre, 2018, 13:22

Il gol splendido contro l'Udinese nell'anticipo di sabato non ha fatto calare l'attenzione dei sulle accuse di presunta violenza sessuale subita da Kathryn Mayorga nel 2009. La giovanissima protagonista delle cosiddette "cene eleganti" di Arcore e delle serate all'insegna del leggendario "Bunga Bunga" nelle residenze del capo di Forza Italia, stando alle voci raccolte dal tabloid inglese, sarebbe in procinto di rispolverare il contenuto di una passata deposizione rilasciata di fronte ai giudici che indagavano sull'ex presidente del Consiglio. Un vizio formale a cui i legali della Mayorga adesso si appellano per invalidare l'intesa che, altrimenti, blocca la causa civile avviata dalla ragazza il 28 settembre. Si tratterebbe della stessa accusa, ma di un periodo diverso. Secondo quanto riporta Tha Sun, un tassista scagionerebbe il fantasista della Juve. Cristiano Ronaldo avrebbe pagato 4mila euro per una notte con la marocchina quando Ruby aveva soltanto 17 anni. "Era felicissima dopo aver lasciato la stanza d'albergo". "Quando qualche giorno dopo ho sentito che la ragazza voleva denunciarlo sono rimasto scioccato - ha aggiunto l'autista -". L'americana affermava di essere pentita di aver accettato i 375 mila dollari in cambio della promessa del silenzio, affermando: "Mi piacerebbe raccontare al mondo chi sei davvero".

Ma l'avvocato di Mayorga ha fatto anche altre rivelazioni. E c'è di più, sottolinea il quotidiano di Torino: c'è il rischio che la situazione inneschi altri casi, come già successo nella giornata di ieri, e si verifichino ulteriori danni economici per l'ex Real Madrid. Questo gruppo avrebbe dovuto raccogliere informazioni su Mayorga.

Cristiano Ronaldo ha avuto un impatto importante in Serie A, ma il fuoriclasse della Juventus sta catalizzando l'attenzione degli sportivi italiani per delle vicende che hanno poco a che fare con il calcio.

Altre Notizie