Giovedi, 13 Dicembre, 2018

Pace Fiscale e avvisi bonari con rateazione in atto, cosa succederà?

Quartilla Lauricella | 09 Ottobre, 2018, 16:10

CONDIZIONI PIU' FAVOREVOLI - La nuova definizione agevolata rispetto alle precedenti fruirà di condizioni più "favorevoli": si potrà effettuare il pagamento delle somme dovute in un arco di tempo particolarmente ampio (cinque anni) con due rate, utilizzando dieci rate semestrali (al 31 luglio e al 30 novembre di ciascun anno) e si potrà utilizzare in compensazione, per tutti i versamenti necessari a perfezionare la definizione, i crediti non prescritti, certi liquidi ed esigibili, per somministrazioni, forniture, appalti e servizi, anche professionali, maturati nei confronti della pa. In base a quanto previsto dalla prima bozza del decreto fiscale Collegato alla Legge di Bilancio 2019, la pace fiscale, ossia la nuova misura a cui sta lavorando il governo Conte che serve ai contribuenti per mettersi in regola con il fisco italiano e allo Stato per recuperare risorse importanti, partirà dal 2019 con il cd.

A chi si chiede come funziona la nuova rottamazione delle cartelle è bene chiarire da subito che si tratta di una procedura ben diversa dall'impostazione iniziale di pace fiscale.

In queste ore si sta parlando anche della possibilità di allargare i confini della pace fiscale anche ai debiti Iva con un'aliquota al 30%.

Nell'ultima bozza dello schema di decreto fiscale collegato alla manovra sono contenuti la nuova rottamazione delle cartelle e la definizione agevolata per le liti pendenti con l'Erario. Secondo quanto previsto dalla bozza del decreto fiscale 2019 il debito dovrà essere pagato in modalità integrale e lo sconto riguarderà soltanto sanzioni e interessi.

Potranno fare domanda di rottamazione anche i contribuenti con debiti risultanti da carichi affidati all'agente della riscossione rientranti nei procedimenti instaurati a seguito di istanza presentata dai debitori (legge 27 gennaio 2012, n. 3).

La rottamazione riguarderà anche le cartelle relative a sanzioni amministrative per violazioni del codice della strada limitatamente agli interessi e alle maggiorazioni dovute per legge.

Pace fiscale: che cos'è la Rottamazione ter cartelle 2019?

- In caso di rateizzazione in 10 rate il contribuente deve versare anche gli interessi di mora da calcolare dal 1° agosto 2019.

La pace fiscale abbraccerà anche i contribuenti che avevano già aderito a precedenti rottamazioni ma che ne erano decaduti a causa del mancato pagamento delle rate.

Rottamazione ter 2019 come funziona?

Qualora non indicata, il pagamento dovrà avvenire in un'unica soluzione entro il 31 luglio 2019.

La scadenza delle rate è fissata al 31 luglio e al 30 novembre di ciascun anno, a partire dal 2019.

Il "fascino" della rottamazione ter risiede inoltre nella riduzione al minimo degli interessi dovuti sulla rateizzazione del debito: in caso di pagamento rateale non si applica l'articolo 19 del DPR n. 602/1973 e gli interessi dovuti sono calcolati al tasso dello 0,3% annuo.

Ai fini dell'avvio della fase di presentazione delle domande di adesione alla definizione, l'Agenzia Entrate Riscossione dovrà rendere disponibile un apposito modulo entro 15 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto legge. Il tutto con la possibilità di rateizzare il dovuto in 5 rate, tre nel 2019, due nel 2020.

Altre Notizie