Domenica, 18 Novembre, 2018

Renzi, no a governo con M5s

La Leopolda lussuosa kermesse schiaffo alla miseria La Leopolda lussuosa kermesse schiaffo alla miseria
Quartilla Lauricella | 22 Ottobre, 2018, 18:27

La trama della Link Campus quartier generale dei "barbari romanizzati" si conferma un jolly apprezzatissimo dai detrattori del governo gialloverde, da tirar fuori quando gli argomenti vengono meno (eppure ce ne sarebbero, di questi tempi). Matteo Renzi chiude la Leopolda e lancia un nuovo affondo contro il governo: "State prendendo in giro gli italiani". "L'opposizione fa bene alla Leopolda, ma male al Paese purtroppo". Ma continuare a tutti i costi a dare un tono noir a un'università che ha sì invitato a parlare Luigi Di Maio e Davide Casaleggio e formato l'attuale ministra della Difesa Elisabetta Trenta, ma continua a ospitare per convegni e lezioni con gli studenti esponenti di spicco di tutte le forze politiche (compresi convinti grillini come Marco Minniti, Marianna Madia, Gennaro Migliore), è poco credibile, e forse col passare del tempo diventa anche un po' banale. Padoan entra sulla scena e già fa "no" con la testa, perché - come ormai è noto - in realtà la sua fede calcistica è giallorossa.

L'ex premier ha affermato che "il presidente della Rai è un bugiardo, è una fake news vivente, è una fake news che cammina" e che è "una vergogna che non ci sia nessuno che abbia il coraggio di dirlo".

Infine, pur senza sciogliere le riserve su quale sarà il candidato da lui appoggiato alla segreteria del Pd, affronta alcune questioni interne alla sinistra, con il solito rancore.

"Con la personalizzazione della leadership abbiamo vinto e perso, ma abbiamo sempre preso il 40%, con la spersonalizzazione abbiamo preso il 18%".

Infine, una sorta di chiamata alle armi a chiudere il suo intervento. "Noi siamo quelli che barcollano ma non mollano, quelli che restano ma anche quelli che si rimettono in cammino perché non vogliono lasciare l'Italia in mano ai cialtroni che la vogliono distruggere".

Altre Notizie