Lunedi, 10 Dicembre, 2018

Allan: "Io nel Brasile grazie alla Serie A. Ancelotti? Persona meravigliosa?"

Allan: Allan trova finalmente il Brasile: "Un sogno che si realizza"
Iona Trifiletti | 14 Novembre, 2018, 04:26

PERICOLO PEP - Anche fuori dai confini nazionali se ne sono accorti, a 27 anni, a suon di grandi prestazioni (mostruose contro Liverpool e Paris Saint-Germain) Allan ha fatto il salto di qualità, diventando oggetto del desiderio dei più grandi club europei. Spero di sfruttare al massimo questa opportunità, e di dimostrare i miei progressi da calciatore. Dal Vasco sono passato poi in Italia, all'Udinese. Essere qui oggi mi spinge a migliorare ancora di più. "Non vedi l'ora di vestire la maglia verdeoro, giusto?" scherza l'account twitter della nazionale brasiliana. Sono da sette anni in Europa e sono stato guidato da grandi allenatori, quindi penso di essere maturato molto e spero di poter continuare a imparare molto. "Sono un altro rispetto a quando ho lasciato il Brasile", ha riconosciuto Allan. E' bellissimo lavorare con questo gruppo di campioni. Quando finalmente ho visto il mio nome nell'elenco dei convocati, ho festeggiato a lungo con la mia famiglia.

Allan, che entusiasmo all'arrivo in nazionale. Ho realizzato la massima aspirazione di ogni giocatore. Su di lui c'è da tempo il Chelsea di Sarri, suo principale estimatore, nelle ultime settimane ha chiesto informazioni anche il Manchester City di un Guardiola che stravede per lui.

NAPOLI - A proposito di Serie A, Allan parla del momento del Napoli e del passaggio da Sarri ad Ancelotti: "Con Sarri giocavamo con il 4-3-3 e io facevo l'intermedio di destra. Ma ciò che davvero conta è dare sempre il massimo, non importa in che ruolo o con quale modulo". E' intelligente, tranquillo, tenta sempre di aiutarci e senza mai gridare.

Altre Notizie