Mercoledì, 21 Novembre, 2018

Ibrahimovic e il Milan: retroscena dell'addio nell'autobiografia

Ibrahimovic Non volevo andare al Psg ma il Milan mi ha venduto Getty Images
Iona Trifiletti | 08 Novembre, 2018, 17:09

In un passaggio della sua ultima autobiografia "Io sono il calcio", Zlatan racconta i momenti che precedettero il suo trasferimento al Paris Saint-Germain.

Intervenuto a margine di un evento tenutosi a Los Angeles, Zlatan Ibrahimovic ha risposto ai cronisti presenti delle voci che lo vorrebbero nuovamente in Europa e ancora una volta al Milan: "C'è dell'interesse, c'è sicuramente dell'interesse che arriva dall'Europa ma la mia priorità sono i Los Angeles Galaxy". Qualche settimana dopo mi trovavo nella mia casa di Vaxholm in Svezia, stavo rientrando da un giro sullo Jetski quando trovo sul mio telefonino 5 chiamate non risposte provenienti da Mino Raiola. Il campione racconta che per la stagione 2012-13 era certo di restare al Milan perché Adriano Galliani glielo aveva assicurato: "Non devi preoccuparti Zlatan - gli avrebbe confermato l'allora direttore sportivo rossonero - Non ti vendiamo". MI chiede di incontrarmi ma preferisco richiamarlo.

Nonostante fosse stato già ceduto, Ibra tentò in tutti i modi di evitare il trasferimento a Parigi, ma alla fine dovette mantenere la parola data ai dirigenti francesi, che accolsero tutte le sue richieste di carattere contrattuale e non. Io ho pensato: 'Leonardo? In secondo luogo, volevo conservare lo stesso stipendio che avevo al Milan e volevo che dicessero qualcosa tipo: 'Amico, stai esagerando, è troppo'. Allora rispondo a Mino: "Guarda, non voglio rispondere". Poi, ho detto a Mino di aggiungere un sacco di cose e le ho elencate una dopo l'altra. E io poco prima avevo detto a mia moglie Helena che il Psg non avrebbe mai accettato. Così ho detto a Mino di scrivere tutto quello che volevo. Non c'era modo di tornare indietro e ho risposto: "Ok, prepara tutto". "Vi sembra strano? Forse quando sono stato infortunato per un anno ma ora sto bene e sono tornato, non è una sorpresa". Ibra è rimasto 4 anni al Psg segnando 156 gol in 180 partite. Ma chissà che la storia col Milan non possa avere un finale diverso.

Altre Notizie