Lunedi, 10 Dicembre, 2018

Lisippo, Cassazione boccia ricorso Getty

L'Atleta di Lisippo deve tornare in Italia lo ha stabilito la Cassazione che rigetta il ricorso del Getty Museum L'Atleta di Lisippo deve tornare in Italia lo ha stabilito la Cassazione che rigetta il ricorso del Getty Museum
Evandro Fare | 06 Dicembre, 2018, 19:59

"Ci auguriamo, quindi, che gli amici del Getty Museum rispettino e diano corso alla sentenza con la quale la Cassazione ha disposto la restituzione all'Italia dell'Atleta di Lisippo, importante testimonianza del patrimonio culturale italiano". Lo spiegamento di forze legali statunitensi si deve alla decisione del gip di Pesaro di confiscare il bronzo oggi conservato oltreoceano. Per il Getty Museum non è comunque detta l'ultima parola: è sempre possibile un ricorso in sede europea. Il portavoce Ron Hartwig aveva espresso in quell'occasione "delusione" per la decisione del magistrato, ribadendo che il Getty avrebbe continuato a "difendere i suoi diritti".

"La legge e i fatti in questo caso non forniscono motivi per restituire al governo italiano la statua, esposta a Los Angeles per quasi mezzo secolo", ha osservato la Lapin in un comunicato pubblicato sul sito web del museo.

"Vediamo ora se il Getty manterrà la promessa", il commento dell'avvocato Tristano Tonnini delle Cento Città, l'associazione culturale che ha fatto ripartire le indagini sul Lisippo.

Chissà come finirà stavolta; ma tanta bellezza val bene anche un'ultima rogatoria internazionale e a Pesaro già preparano le carte.

La scultura, ricordiamo, era stata ritrovata nel 1964 impigliata nelle reti di un peschereccio nel mare Adriatico, al largo di Fano. Dopo alcune trattative e tentativi di offerta al mercato nero e una forte competizione contro il Metropolitan Museum of Art, fu acquistata nel 1977 dal Getty Museum per 3,98 milioni di dollari. La magistratura pesarese si era pronunciata sulla vicenda nel 2009 e nel 2013, su richiesta della Procura, per la confisca del bronzo in quanto bene inalienabile dello Stato, ma per due volte il museo americano ha ottenuto l'annullamento per vizi procedurali. Il Museo, infatti, "aveva detto che, dietro un provvedimento di confisca, si sarebbe attivato da solo per restituirla".

Altre Notizie