Lunedi, 10 Dicembre, 2018

"Lui non ci sarà", Lega lancia campagna per la manifestazione a Roma

"Lui non ci sarà": Salvini arruola i nemici come testimonial della manifestazione dell'8 dicembre
Evandro Fare | 06 Dicembre, 2018, 13:10

Il leader della Lega si era limitato a commentare la notizia con un ironico 'Apri la mente fratello', pubblicato sulla sua pagina Instagram, decidendo poi di passare al vero e proprio contrattacco qualche giorno fa, utilizzando il volto di Salmo nelle locandine diffuse on line per promuovere la manifestazione della Lega che si terrà il prossimo 6 dicembre a Roma. "Piazza del popolo, quale nome migliore.", ha rimarcato. Il ministro dell'Interno italiano e leader della Lega è entrato al governo l'estate scorsa cavalcando un'onda di rabbia popolare contro Bruxelles e l'establishment politico italiano.

"Bene, sono stato premiato in Europa".

Sotto lo slogan "Lui non ci sarà" ecco apparire le facce degli avversari di Salvini, con tanto di logo della Lega in evidenza. "E' come a carbonara co a' panna", oppure Tomas Milian che esclama: "E poi sarei io il monnezza".

Accompagnati dall'hashtag #romanonfalastupida, nella Capitale sono comparsi diversi manifesti ironici raffiguranti noti personaggi romani e della storia della Roma antica: da Sora Lella all'imperatore Giulio Cesare, per intenderci. È uno dei tanti stili comunicativi di Salvini, che spesso tira in ballo i suoi contestatori più famosi. Una lista di nemici, da Laura Boldrini a Roberto Saviano ad Asia Argento a Fabio Fazio, da additare per rinfocolare ulteriormente gli animi degli elettori.

Adesso è il turno degli anti-testimonial.

Gli ultimi in ordine di tempo sono i contestatori anti-salviniani sardi che intonano 'Bella Ciao': anche loro "non ci saranno" l'8 dicembre in piazza del Popolo a Roma, ha ironizzato Matteo Salvini.

Altre Notizie