Lunedi, 10 Dicembre, 2018

Renzi, perché Di Maio prestanome padre?

La Nuova Ecologia Ecotassa sulle auto, stop di Salvini: ?Incentivi sì, nuove imposte no?
Quartilla Lauricella | 05 Dicembre, 2018, 19:56

Mentre è iniziata la procedura per l'abbattimento dei manufatti abusivi nel terreno del padre a Mariglianella, oggi Luigi Di Maio e la sorella Rosalba hanno firmato la messa in liquidazione dell'Ardima Srl, l'azienda di famiglia al centro del caso mediatico sollevato dalla trasmissione Le Iene.

Adesso le stesse accuse sono state mosse dal giornale La Verità al padre di Matteo Renzi dopo che lo chef Andrea Santoni, attualmente impiegato a Londra, ha raccontato di aver lavorato nella società Speedy Florence dei Renzi alla fine degli anni Novanta e di essere stato pagato in contanti e senza contratti e ricevute. Ricostruiti i passaggi dalla ditta del padre, Antonio Di Maio, alla madre. Gli atti sono stati consegnati all'ufficio protocollo del Comune di Pomigliano d'Arco, dove risiede Antonio Di Maio, e inviati per raccomandata anche al Comune di Loano (Reggio Emilia), dove vive la sorella.

La risposta dei Renzi - Non si è fatta attendere la risposta di Tiziano Renzi: "I ragazzi che distribuivano i quotidiani erano pagati cash perché trattenevano il loro compenso da ciò che incassavano con la vendita dei quotidiani ma poi ovviamente l'azienda provvedeva al pagamento delle tasse come previsto dalla legge", ha scritto su Facebook il padre dell'ex premier. C'erano telecamere e giornalisti ovunque: "mi sembra un trattamento che si riserva a un pericoloso criminale e mi dispiace per i miei vicini e per tutto il paese"."Ammetto che nel cortile ho lasciato dei mattoni e dei sacchi con materiale edile: "anche in questo caso se ho sbagliato me ne assumo la responsabilità ma essendo proprietà privata non pensavo questo fosse un reato ambientale", conclude il padre del leader M5s.

Secondo Miceli "quando la ditta individuale di Antonio Di Maio chiude, ha un patrimonio di 80 mila 258 euro. C'è una evidente continuità tra le due operazioni" ha proseguito. "L'azienda che io e mia sorella avevamo fondato nel 2012, non menzionata prima perché non operante, aveva un capitale sociale di 20.000 euro che sommati agli 80.200 raggiungono proprio il valore di 100.200€". Spetterà ora alla Procura di Napoli fare luce sulla vicenda.

Agenpress. Il Movimento 5 Stelle tanto per cambiare attacca me, anche dopo la vicenda del signor Di Maio.

Altre Notizie