Martedì, 18 Giugno, 2019

Annalisa Minetti insultata per la malattia. Lei replica su Instagram

Attacchi contro Annalisa Minetti “Da cieca non avresti dovuto mettere al mondo un figlio” Annalisa Minetti insultata per la malattia. Lei replica su Instagram
Calogero Calderone | 10 Gennaio, 2019, 15:55

Qualche giorno fa la cantante ha postato una foto che la ritrae insieme alla sua bimba di 10 mesi avuta dall'attuale marito Michele Panzarin, la sua secondogenita dopo Fabio, che ha 10 anni e che è nato dal precedente matrimonio con Gennaro Esposito.

"Non avresti dovuto diventare mamma e mettere al mondo un figlio". "È una persona piena di sé". Da anni sono abituata a sentirmi dire di non vivere e di tutta risposta io vivo e vivrò sempre di più.

"Certo, cieca... non avrei messo al mondo un secondo figlio... - scrive un utente - e certo non vorrei far cose oltre la normalità solo per apparire normale".

Ma Annalisa Minetti ha anche tanti fan che la ammirano e che le vogliono bene e per fortuna le persone che l'hanno difesa dagli hater sono state tantissime: "Forza Annalisa, sei un esempio per molti!"

La Minetti ha continuato il suo sfogo: "Cresco i miei figli come donna realizzata nella vita e nel lavoro; non sacrificando mai un dentino, una recita, una prima pappa nonostante questo mi costi fatica e a volta piango da sola di notte chiusa in bagno per la stanchezza". Ho un uomo splendido accanto e la nostra casa è piena di sorrisi. Iacopo Melio, 25enne autore del libro 'Faccio salti altissimi', volto noto della campagna #vorreiprendereiltreno, è costretto da una malattia genetica rara, la sindrome di Escobar, su una sedia a rotelle. La cantante ha sempre dimostrato a se stessa in primis e a tutti i suoi followers che la cecità, disabilità che l'ha colpita ormai da anni, non è e non deve essere un limite, un ostacolo al normale svolgimento della sua vita e proprio nell'ultimo scatto su Instagram si mostra abbracciata alla figlia mentre festeggia il 27 preso al suo ultimo esame.

A denunciare il fatto è stato lo scrittore e attivista Iacopo Melio, come riporta il Corriere della Sera. "Boh, non so, provo solo tanta amarezza". E su Instagram risponde direttamente: "Leggendo i vostri commenti capisco meglio perché ci sono ancora degli str**zi che parcheggiano nei posti riservati ai disabili senza averne diritto (o con il tagliando del nonno morto), o che fingono di esserlo con la compiacenza di alcuni medici per riscuotere la pensione, o che si lamentano perché al loro posto è stata assunto uno della 'categoria protetta' (magari più capace di loro, ma automaticamente idiota perché handicappato), o che al mare lanciano occhiate morbose perché hanno avvistato qualcuno di 'anormale'. Siete solo delle 'persone' piccole".

Altre Notizie