Lunedi, 25 Marzo, 2019

Bimba mangia per la prima volta a 3 anni con l'esofago ricostruito

Mangia per la prima volta a tre anni grazie a un innovativo intervento di ricostruzione dell'esofago al Regina Margherita di Torino Torino, mangia per la prima volta a tre anni, grazie a intervento di ricostruzione dell'esofago
Moreno Priola | 10 Gennaio, 2019, 00:38

Ha mangiato per la prima volta a tre anni di età: prima non le era possibile a causa della atresia esofagea di tipo I, una malformazione congenita per la quale era nata senza un tratto di esofago.

La sua famiglia ha incontrato grandi difficolta' anche perche', nel frattempo, per seguire un'altra figlia ammalata, ha dovuto trasferirsi in Francia.

La bambina quindi finora non ha potuto mai mangiare normalmente con conseguenti seri problemi alla sua crescita. Dopo l'operazione, la piccola sta progressivamente recuperando l'uso della bocca per alimentarsi con il supporto dello staff infermieristico, del servizio di logopedia e dei genitori affidatari di Torino che l'hanno seguita nel difficile percorso. In seguito, è stato però necessaria addirittura di una nutrizione solo per via parenterale, cioè ricevendo tutte le sostanze indispensabili per il suo organismo in crescita attraverso una cannula inserita in una grossa vena. In casi analoghi, l' esofago viene sostituito utilizzando una parte dello stomaco o un tratto di intestino. Ma questa volta i chirurghi hanno fatto ricorso ad una tecnica molto innovativa: hanno asportato il tratto cicatriziale e ricostruito un normale esofago utilizzando esclusivamente tessuto esofageo.

Il delicato intervento è stato eseguito presso la Chirurgia pediatrica del Regina Margherita diretta dal Dott. Circa un mese e mezzo fa, per permetterle di tornare a una vita normale con la possibilita' di alimentarsi per bocca come tutti i bambini, la piccola e' stata operata nella Chirurgia pediatrica, diretta da Fabrizio Gennari, in collaborazione con Renato Romagnoli, direttore della Chirurgia universitaria 2 e Centro Trapianti di fegato dell'ospedale Molinette di Torino, e con Dario Reggio del Servizio di Endoscopia Interventistica della Citta' della Salute di Torino.

La sinergia di competenze e la capacità di approccio multidisciplinare presente all'interno della Città della Salute di Torino hanno reso possibile questo "miracolo", che riporterà la bambina ad una vita normale e, a completo recupero, al suo ritorno alla famiglia naturale.

Altre Notizie