Martedì, 25 Giugno, 2019

Brexit, secondo i media il Parlamento voterà il 15 gennaio

Theresa May ha deciso l’accordo sulla Brexit si vota il 15 gennaio Brexit, secondo i media il Parlamento voterà il 15 gennaio
Evandro Fare | 09 Gennaio, 2019, 11:10

Il mese scorso la premier May è stata costretta a rinviare il voto in Parlamento sull'accordo che ha raggiunto con l'Ue, poiché non aveva i numeri per farlo approvare. La discussione sul testo riprenderà mercoledì, prima del voto previsto per la settimana prossima. Diversi istituti bancari hanno aperto nuovi uffici nell'Unione europea, in modo da salvaguardare le loro operazioni regionali anche dopo marzo. Il pressing dei parlamentari, capeggiati dalla deputata Tory Caroline Spelman e dal deputato Labour Jack Dromey, deriva dalla preoccupazione che una Brexit senza un buon accordo possa portare a consistenti perdite di posti di lavoro.

I parlamentari firmatari della lettera, appartenenti ad entrambi i gruppi Leave e Remain, sono stati invitati per un incontro con la May domani. Non certo Boris Johnson. Perché l'ex ministro degli Esteri, capofila degli euroscettici e aspirante primo ministro, ha pubblicato ieri un editoriale sul Daily Telegraph in cui sostiene che una rottura radicale con la Ue corrisponde proprio a ciò per cui i britannici hanno votato nel referendum del 2016. La partita non appare quindi del tutto chiusa e l'incertezza per le sorti della ratifica dell'accordo rimane al centro della politica britannica.

Altre Notizie