Venerdì, 18 Gennaio, 2019

Legalizzazione cannabis, M5s presenta un disegno di legge in Senato

Cannabis libera ecco il disegno di legge M5s Legalizzazione cannabis, M5s presenta un disegno di legge in Senato
Evandro Fare | 10 Gennaio, 2019, 04:40

Lo prevede un disegno di legge presentato a Palazzo Madama dal senatore del Movimento 5 Stelle, Matteo Mantero. Prevede inoltre di regolamentare il mercato della cannabis a basso contenuto di thc, la cosiddetta cannabis light, permettendone la vendita per uso alimentare e innalzando il contenuto di thc delle infiorescenze fino all'1%.

Infine è prevista anche dal punto di vista legale una differenziazione di pena tra droghe pesanti e droghe leggere.

"Ma veniamo alla questione più importante, in Italia, ogni anno, circa 5 milioni di persone fanno uso di hashish o marijuana, essendo illegale coltivarla a casa propria queste persone sono costrette a rivolgersi al mercato nero".

"Il Parlamento può riacquisire la sua centralità e agire con una maggioranza diversa da quella di governo, senza ovviamente compromettere l'equilibrio dell'esecutivo", aggiunge Mantero a Radio Capital, "È vero che alcuni nella Lega, come il ministro Fontana o il vicepremier Salvini, si oppongono in maniera pregiudiziale a questa tematica senza probabilmente scendere nei dettagli, senza conoscerla così bene". Stessa cosa vale per la cannabis light. "Partendo, come base, dal lavoro fatto nella scorsa legislatura dall'intergruppo parlamentare, ho depositato in Senato un 'disegno di legge in materia di legalizzazione della coltivazione, della lavorazione e della vendita della cannabis e dei suoi derivati'", annuncia il senatore grillino Matteo Mantero. A sostegno della propria posizione, cita una ricerca pubblicata sulla rivista "Scientific Reports", in cui si legge che "l'alcool ha un indice di pericolosità 114 volte superiore alla cannabis, seguito da eroina, cocaina e tabacco".

"Il colpo inferto alla criminalità organizzata sarebbe importante, infatti la a Direzione Nazionale Antimafia stima in circa 30 miliardi di euro l'importo del mercato nero per il comparto delle sostanze stupefacenti in Italia, pari a circa il 2% del Pil nazionale, e più della metà del mercato è costituito dalla marijuana e suoi derivati".

Secondo il senatore, oltre il 70% sarebbe favorevole a legalizzare l'utilizzo di questa sostanza, già liberalizzata anche per uso ricreativo in paesi come l'Olanda, la Spagna, il Canada e diversi stati Usa, a cui si è aggiunta, dal 1° gennaio 2019, anche la California. "D'altra parte proprio l'esperienza degli Stati che hanno regolamentato in forma legale il mercato della marijuana dimostra che il numero dei consumatori non è affatto cresciuto, né è aumentato l'impatto sociale e sanitario direttamente o indirettamente connesso al consumo".

Secondo Mantero, coltivare a casa piccole quantità di marijuana avrebbe il vantaggio di stroncare il mercato illegale. Di fatto chi si oppone a questa legalizzazione, o meglio depenalizzazione, fa un danno - accusa - alla salute pubblica e un enorme favore alla criminalità organizzata.

Una proposta che certamente solleverà i soliti polveroni, ma forse aprirà una breccia nel muro del proibizionismo nostrano.

Altre Notizie