Lunedi, 25 Marzo, 2019

Medico morto per meningite. Ordine: Vaccino a chi è a rischio

Napoli, medico di 40 anni muore di meningite. Donati gli organi: il suo cuore salva un bambino Napoli, chirurgo muore per una meningite. I familiari donano il suo cuore per salvare un bambino
Moreno Priola | 04 Gennaio, 2019, 13:19

Ricoverato la sera di Capodanno all'ospedale del Mare con febbre molto alta, un chirurgo napoletano è morto questa notte per una meningite. Al Cotugno, invece, si è proceduto con l'espianto degli organi: il cuore di Di Stazio è stato utilizzato per salvare la vita a un bambino.

I funerali sono in programma giovedì 3 gennaio alle 16 presso la chiesa di San Tammaro a Grumo Nevano.

I medici devono vaccinarsi contro la meningite da pneumococco. "Vorrei che arrivasse alla famiglia del collega scomparso prematuramente un forte messaggio di cordoglio da parte dell'intera categoria che rappresento". Come medico ritengo che sarebbe opportuno rialzare la guardia, offrire gratuitamente un vaccino come quello anti-pneumococco, che oggi è già presente negli studi dei medici di famiglia ma solo per gli anziani over 65 o ai soggetti con determinate patologe.

Qualche ora fa riportavamo la notizia di uno stimato chirurgo di quarant'anni con residenza a Mugnano, in provincia di Napoli che, ricoverato nel reparto di rianimazione al Cotugno stava lottando tra la vita e la morte dopo una diagnosi che lo confermata contratto da una grave forma di meningite. "Non possiamo permettere che chi lavora a stretto contatto con i pazienti non possa contare su una offerta di copertura completa, aspettandoci che continui la sua opera con la donazione degli organi post-mortem e non semplicemente continuando ad assistere con dedizione professionale tutti i pazienti nel corso di una vita che qualcuno potrebbe definire "più fortunata", ma che io amo definire più normale".

Altre Notizie