Martedì, 25 Giugno, 2019

'Mio figlio è morto, evita di postare foto da idiota'

'Mio figlio è morto, evita di postare foto da idiota' 'Mio figlio è morto, evita di postare foto da idiota'
Calogero Calderone | 12 Gennaio, 2019, 06:57

La top ten delle rilevazioni nazionali -che non include solo lo streaming ma anche il fisico- è dominata da Sfera Ebbasta e dal suo Rockstar. Un comportamento che non è andato giù a Donatella Magagnini, madre di Daniele Pongetti, che proprio attraverso i social ha deciso di sfogarsi. "Tu e i tuoi collaboratori imparate a Nn giocare con i sogni dei ragazzini che pur avendo pagato sono stati presi in giro e sono morti Nell'attesa che tu arrivassi". E ancora: "Ricordati che il regalo più grande te lo sei fatto portandoti sulla tua coscienza 6 morti". Garulli ha precisato che il trapper potrebbe essere ascoltato eventualmente in relazione alla necessità di capire qualcosa di più sull'organizzazione dell'evento di quella sera. A un mese dalla tragedia, avvenuta nell'attesa di un dj set di Sfera Ebbasta, nella notte tra il 7 e l'8 dicembre, c'è anche questo accertamento tra quelli che la Procura di Ancona starebbe valutando: nove gli indagati tra proprietari dell'immobile, amministratori della società Magic srl, un dj del locale, un addetto alla sicurezza. Prima di tutto perché si è fatto vivo solo dopo molti giorni dalla tragedia.

Con l'ultimo post però ha voluto rivolgersi direttamente a Sfera Ebbasta, per farlo uscire dall'angolo di quel suo atteggiamento oltremodo pilatesco. Poi per salvarsi la faccia si è tatuato le stelline e ancora dopo mi ha fatto pervenire una sua lettera privata scritta e firmata in stampatello dove diceva che lui era molto provato e pronto a mettersi a disposizione per qualsiasi cosa. Se davvero eri così addolorato e colpito dell'accaduto io al tuo posto, se è vero che stavi arrivando alla Lanterna - sottolinea -, sarei venuto a verificare sul posto a vedere che era successo. "Dopo poco ha pubblicato la stessa lettera sui social", dove "terminava ricordando le date dei suoi concerti così come se niente fosse accaduto". La signora scrive di non riuscire a sopportare l'apparente superficialità dimostrata dal trapper nei confronti di quanto accaduto alle vittime, mentre stavano aspettando il suo arrivo al concerto.

La mamma di Daniele non riesce neppure a considerarlo, ma ha chiaramente espresso di avercela a morte con lui, con i suoi collaboratori, i suoi manager, la sua casa discografica, perchè pensa che l'aspetto fondamentale del loro lavoro risieda nel preoccuparsi di organizzare al meglio i locali per i concerti o djset.

"Ciao Gionata in bocca al lupo per la tua carriera da grande artista", l'amaro commento.

Altre Notizie