Lunedi, 25 Marzo, 2019

Ferrari F8 Tributo, berlinetta a motore centrale-posteriore

Ferrari F8 Tributo, la più potente di sempre. Per la 'piccola' 720 cavalli Ferrari F8 Tributo, l’ultima delle supercar tradizionali italiane debutta a Ginevra – FOTO
Bortolo Musarra | 04 Marzo, 2019, 10:10

La presentazione internazionale della F8 Tributo avverrà in occasione del Salone di Ginevra 2019 (7/17 marzo). Il V8 della Ferrari F8 Tributo diventa così il più potente motore a otto cilindri mai sviluppato per una Rossa non in serie speciale; vale a dire gli allestimenti in chiave sportiva 360 Challenge Stradale, 430 Scuderia, 458 Speciale e 488 Pista (dove il 3.9 eroga proprio 720 CV). Lo stesso propulsore "che è stato premiato per tre anni consecutivi come 'Best engine of the year' nel 2016, 2017 e 2018, oltre a essere riconosciuto come miglior motore degli ultimi 20 anni". E si intenda il termine "evoluzione" nel suo più preciso significato: con la conferma dell'anteprima di F8 Tributo, diffusa in queste ore attraverso una serie di immagini di anticipazione ed un primo dettaglio sulle peculiarità che verranno portate in dote dalla nuova GT di Maranello, Ferrari intende proseguire la "carriera" di 488 GTB attraverso un programma evolutivo, più che "erede" in senso stretto. Identificato dagli appassionati come simbolo di sportività e di piacere di guida, questo V8 in posizione centrale-posteriore permette di ottenere un bilanciamento ottimale dei pesi per un comportamento sportivo e piacevole.

Ferrari F8 Tributo è una berlinetta a motore centrale-posteriore che rappresenta la massima espressione firmata Ferrari.

Sostituisce la 488 GTB aumentando performance e qualità di vita a bordo. Disegnata dal Centro Stile Ferrari, la carrozzeria della F8 Tributo ha beneficiato di un incremento dell'efficienza aerodinamica del 10%. Si tratta di una soluzione già adottata sulla 488 Pista, qui rivista in funzione delle modifiche apportate al nuovo frontale, che contribuisce per il 15% all'aumento di carico aerodinamico globale rispetto alla 488 GTB. La F8 Tributo infatti adotta diverse soluzioni mirate alla gestione della termica motore, come per esempio i radiatori anteriori inclinati verso il posteriore, e le prese dinamiche di aspirazione motore spostate dalla fiancata alla parte laterale dello spoiler. Inoltre, specifici interventi di alleggerimento hanno permesso di limare il peso a secco di 40 kg rispetto alla 488 GTB, per 1.330 kg (che si raggiungono con ulteriori contenuti tecnici opzionali).

Le feritoie posteriori aiutano a estrarre aria calda dal cofano motore senza influire sull'efficienza dello spoiler soffiato, ulteriormente evoluto per aumentare il carico generato nella parte posteriore dell'auto.

Anche i doppi fanali di coda circolari ricordano le berlinette 8 cilindri, come la capostipite308 GTB. La cabina mantiene il classico aspetto del cockpit orientato al guidatore tipico delle berlinette con motore centrale posteriore della Ferrari, ma ogni elemento del cruscotto, pannelli porta e tunnel, è stato completamente ridisegnato. Per quanto riguarda gli interi spicca il nuovo volante con comandi rapidi e il nuovo display da sette pollici per il passeggero.

Altre Notizie