Lunedi, 25 Marzo, 2019

Screening gratuito del rene all'ospedale San Luca

Giornata mondiale del rene: controlli gratuiti negli ospedali di Dolo e Mestre Giornata mondiale del rene a Teramo, in programma visite mediche gratuite e incontri con le scuole
Moreno Priola | 11 Marzo, 2019, 23:55

"Il tuo aiuto per ridare colore alla vita" sarà lo slogan della giornata mondiale del rene 2019 per promuovere la conoscenza e sensibilizzare la popolazione sul tema delle malattie renali. Le visite di screening consisteranno in un'analisi estemporanea delle urine e della creatininemia, in una misurazione della pressione arteriosa e nella raccolta di una intervista anamnestica.

"L'insufficienza renale cronica (IRC) è una patologia insidiosa - spiega il dottor Riccardo Maria Fagugli, direttore della struttura di Nefrologia e Dialisi del Santa Maria di Terni - proprio perché non presenta sintomi e può operare indisturbata per anni per poi manifestarsi quando è tardi per affrontarla in modo efficace".

Dall'11 al 15 marzo, presso il centro commerciale di Matera, l'equipe di nefrologi e infermieri dell'Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto dell'Ospedale "Madonna delle Grazie" di Matera, insieme ai volontari dell'Aned Onlus "distribuiranno materiale divulgativo e forniranno semplici informazioni e suggerimenti per salvaguardare la salute dei reni". Da ricordare che la malattia renale cronica è una delle 20 principali cause di morte nel mondo e colpisce circa il 10 per cento della popolazione mondiale. "Tale iniziativa si inserisce in un quadro di sempre più stretta collaborazione tra l'Azienda ospedaliera di Terni, il Distretto di Terni e i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta nell'ambito della medicina d'iniziativa". In Italia, l'insufficienza renale, viene ancora considerata come una malattia rara, il cui unico rischio è la possibilità di evoluzione verso la fase terminale di malattia, quella che richiede il trattamento dialitico o il trapianto di rene; passano in gran parte misconosciute le gravi conseguenze dell'insufficienza renale sul sistema cardiovascolare ed il rischio di compromissione renale nei pazienti con malattie coronariche ed insufficienza cardiaca.

"Per comprendere l'importanza della diagnosi precoce - ha sottolineato Meneghel - basti pensare che l'anno scorso a Dolo, dove questo tipo di iniziativa è ormai di tradizione, fra le persone che hanno aderito a questa giornata di prevenzione, ben il 21% non sapeva di avere una malattia renale". In Umbria nel 2009 erano in dialisi circa 870 pazienti per milione di abitanti, ed i nuovi ingressi erano stati circa 180 per milione di abitanti.

Altre Notizie