Lunedi, 16 Dicembre, 2019

Formula 1, GP Spagna. Binotto: "E' stata una lezione, ma non molliamo"

F1 | Ferrari Binotto “È stata una qualifica difficile” Formula 1, GP Spagna. Binotto: "E' stata una lezione, ma non molliamo"
Iona Trifiletti | 13 Mag, 2019, 09:51

Anche se, adesso, Maranello più che fare la corsa sulle Frecce d'Argento deve stare molto attenta alle prestazioni delle Red Bull.

"A Barcellona le Rosse non hanno neppure acciuffato il podio e il Team Principal Mattia Binotto non può che ammettere lo stato di crisi, anche con parole dure:" Complimenti alla Mercedes che ha lavorato tanto e bene, ma questo per noi deve essere stimolo a lavorare di più.

L'approdo in Europa del Mondiale 2019 di F1 non ha cambiato gli orizzonti della Ferrari, in difficoltà al Montmelò come lo era stata a Baku e nelle prime gare della stagione.

Eppure, nonostante gli aggiornamenti, i piloti non sono mai stati in grado di lottare per il vertice, ma anche su questo argomento Binotto ha preferito tergiversare: "Gli aggiornamenti che abbiamo portato non si sono rivelati sufficienti". Perdevamo molto nelle curve lente, facevamo fatica a far girare la macchina. È stata una lezione e ci stimolerà a diventare ancora più forti. Peccato per la partenza perché Vettel era scattato bene. La scelta strategia non era fatta a inizio gara, a seconda di come poi si svolgeva la gara abbiamo scelto di differenziare le strategie. I test che abbiamo fatto in inverno erano buoni ma quando siamo venuti via da Barcellona eravamo consapevoli che la Mercedes era al nostro livello. Non ci hanno preso in contropiede; noi ad ogni gara andiamo per vincere, ma quella di oggi è una brutta sconfitta. Vincendo in Bahrain o con un risultato migliore sarebbe stato diverso, ma sono convinto che siamo forti. Il motore ha funzionato bene, credo che in questo momento sia la vettura più forte, veloce, questo è comunque un punto di vantaggio che non dobbiamo denigrare del tutto. Il prossimo appuntamento sarà quello con il GP di Monaco, un'appuntamento che la Ferrari non potrà permettersi di fallire.

Martedì e mercoledì si disputeranno dei test sempre a Barcellona, il team principal della Ferrari non getta la spugna: "I due giorni di test saranno importanti per noi per esplorare il limite della vettura e per provare degli aggiornamenti". I nostri piloti sono forti su questo tipo di tracciato e sarà tutta da giocare. "Il campionato non finisce qui" ha concluso Binotto.

Altre Notizie