Lunedi, 06 Luglio, 2020

Milla Jovovich furiosa per la legge contro l’aborto in Alabama

Calogero Calderone | 20 Mag, 2019, 10:51

"L'aborto - conclude Milla - è un incubo".

"I nostri diritti come donne di ricorrere ad aborti sicuri e con medici esperti sono di nuovo in gioco. Martedì scorso, il governatore della Georgia Brian Kemp ha firmato un disegno di legge draconiano che bandisce tutti gli aborti dopo sei settimane, prima che la maggior parte delle donne si rendano conto di essere incinte, anche nei casi di stupro e incesto". Prosegue Milla che poi racconta: "Io due anni fa ho dovuto sottopormi a un'interruzione di gravidanza d'urgenza". Ero incinta di 4 mesi e mezzo e giravo nell'Europa dell'Est. Sono entrata in parto pre-termine e mi hanno avvertito che sarei dovuta stare sveglia per l'intera procedura. È stata una delle esperienze più terribili della mia vita. "Ho ancora gli incubi per questo", aggiunge l'attrice rivelando anche di essere caduta in una profonda depressione dopo l'aborto. Ero sola e senza nessun aiuto. "Io sono precipitata in una spirale di depressione e ho dovuto lavorare duramente per uscirne". E conclude poi: "L'aborto è un incubo e nessuna donna vuole attraversarlo". Ma dobbiamo batterci perché i nostri diritti siano preservati e per avere garantita un'interruzione di gravidanza sicura, se ne abbiamo bisogno. "Non ho mai parlato di questa esperienza, ma non posso restare in silenzio con questa posta così alta in gioco".

Altre Notizie