Mercoledì, 21 Agosto, 2019

Il "Salvator Mundi" sarebbe sullo yacht del principe ereditario saudita

Calogero Calderone | 11 Giugno, 2019, 17:52

L'opera, secondo il sito ArtNet.com, si troverebbe ora sul "Serene", il panfilo da mezzo miliardo di dollari di Salman, dove resterà fino all'inaugurazione di un nuovo museo che sorgerà vicino alle rovine di Al-Ula, nella regione nord-occidentale dell'Arabia Saudita. Acquisto che non sarebbe stato effettuato da Salman ma da un altro principe saudita la cui identità non è nota. L'opera sarebbe stata acquistato dal principe saudita Bader bin Abdullah bin Mohammed bin Farhan al-Saud per contro dell'erede al trono saudita Salman. Più giovane ministro della Difesa nel mondo, è anche presidente del Consiglio per gli Affari economici e di sviluppo.

Lo yacht, dal 26 maggio, è ormeggiato nel Mar Rosso, al largo di Sharm el-Sheikh, la famosa località turistica egiziana della penisola del Sinai. Non è inconsueto che un super-ricco decori con fragili opere-trofeo la sua imbarcazione extralusso: l'uomo d'affari britannico e padrone della squadra dei Tottenham, Joe Lewis, ha appeso un "Trittico" di Francis Bacon stimato 70 milioni di dollari a bordo del suo yacht "Aviva".

Altre Notizie