Вторник, 17 Сентября, 2019

Alan Kurdi, altro minore si getta mare

Alan Kurdi uno dei naufraghi ha tentato suicidio Immagine di repertorio
Moreno Priola | 10 Сентября, 2019, 13:06

Come riferito Medici Senza Frontiere (Msf) 34 migranti sono stati trasbordati dalla barca a vela Josefa per le condizioni meteo, peggiorate nelle ultime ore. La nave è in attesa dell'indicazione di un porto sicuro da oltre una settimana e si trova al largo di Malta. E Conte in Parlamento, tra le proteste della Lega ("i porti li chiudiamo noi, tutti insieme, perché in Italia non si entra senza permesso", l'avvertimento di Salvini), ha spiegato che il fenomeno migratorio "va gestito con rigore e con responsabilità" sulla base di "un approccio non più emergenziale, ma strutturale, che affronti la questione nel suo complesso, anche attraverso la definizione di un'organica normativa che persegua la lotta al traffico illegale di persone e l'immigrazione clandestina, ma che, nello stesso tempo, si dimostri capace di affrontare ben più efficacemente i temi dell'integrazione per coloro che hanno diritto a rimanere e dei rimpatri per coloro che non hanno titolo per rimanere". Per uno di loro è stata disposta l'evacuazione dopo un tentativo di suicidio. Un portavoce della Sea Eye ha parlato di "dinamiche preoccupanti" a bordo.

Dure le parole pronunciate dalla Sea-Eye contro l'Italia: "Il nuovo governo evidentemente mantiene una debita distanza contro i salvataggi in mare della società civile". Gli altri ospiti e il nostro equipaggio lo hanno fermato.

Uno dei naufraghi a bordo della nave Alan Kurdi, ancora bloccata in acque internazionali, ha tentato il suicidio la scorsa notte. Non so chi abbia assunto questa decisione, ma è cosa sbagliata. "Sbagliatissima", ha scritto Matteo Orfini, presidente del Partito Democratico su Facebook. Quattro delle 5 persone evacuate sono minorenni, tre diciassettenni e un quindicenne e tra questi anche il minorenne che ha cercato di suicidarsi. L'ho chiesto ieri e lo ribadisco oggi: "il nuovo governo revochi il divieto di ingresso in porto", ha twittato l'esponente dei Dem. Cacciare Salvini e tenersi le sue politiche non mi pare geniale.

"Il cambio di esecutivo non sembra aver cambiato in nulla la situazione dei naufraghi raccolti dalla Alan Kurdi, cui continua a essere impedito sia lo sbarco a Malta, sia quello in Italia".

"Il primo è che finché rimarranno in vigore i decreti sicurezza, che consentono di imporre un divieto inumano e incostituzionale all'ingresso nelle acque territoriali alle navi delle Ong, questo divieto continuerà a essere imposto, anche senza Salvini al Viminale".

Altre Notizie