Sabato, 25 Gennaio, 2020

Sesto caso di meningite nel Bergamasco: è marito di una delle vittime

Ponte Sarnico-Paratico Caso di meningite, scatta la profilassi. Escluso allarme sanitario
Moreno Priola | 14 Gennaio, 2020, 09:55

La sorella di Marzia, Barbara Colosio, dopo la visita al Papa Giovanni XXIII dove è ricoverato il cognato ha detto che "sta bene".

Non c'è da allarmarsi dunque per quanto sta accadendo anche se l'assessore conferma il ricovero per infezione da meningococco C, del marito della signora di 48 anni deceduta dieci giorni fa. Il paziente si trova, fortunatamente, in condizioni non gravi. Lo conferma l'assessore regionale al Welfare Giulio Gallera. L'azienda ha attivato la profilassi antibiotica prevista contattando i familiari e le persone che hanno avuto contatti stretti con l'ammalato nei giorni precedenti la comparsa dei sintomi, a cui è stata somministrata la terapia preventiva del caso. Proprio oggi (ieri per chi legge, ndr) lo abbiamo visto in piedi, in ospedale: siamo riusciti anche a strappargli un sorriso con una battuta. Romano sta bene, è fuori pericolo, e noi siamo tranquilli.

Psicosi da meningite a Sarnico, si svuotano i luoghi pubblici La psicosi da meningite ha colpito in particolar modo il paese di Sarnico (Bergamo), dopo due decessi e altri tre casi di contagio da dicembre.

In queste ore l'Istituto Superiore di Sanità ha confermato che i primi 4 casi di Sepsi da meningococco C registrate nelle scorse settimane nel Basso Sebino presentano lo stesso genotipo del batterio. Invito tutti, sinceramente, a tornare alla normalità della vita sociale", evidenzia l'assessore Gallera, che si dice "rammaricato per alcune scelte eccessivamente emotive e non giustificabili adottate nei giorni scorsi nell'ambito del settore sportivo: "la scelta di cancellare addirittura manifestazioni sportive in calendario, alcune delle quali si giocano all'aperto, non è utile in alcun modo e non giova a questo territorio e ai suoi abitanti". Le vittorie sono state così assegnate a tavolino.

Altre Notizie