Giovedi, 04 Giugno, 2020

Heather Parisi parla della situazione Coronavirus ad Hong Kong: "Qua nessuna quarantena"

Immagine in evidenza ripresa da TgSky24 Immagine in evidenza ripresa da TgSky24
Calogero Calderone | 02 Aprile, 2020, 19:53

I figli di Heather Parisi tornano a uscire a Hong Kong e la passeggiata si trasforma in una corsa che esprime la loro gioia irrefrenabile. "E credetemi ci sono stati molti arresti perché la gente esce di casa e va a bere e a fare le feste".

La ballerina ha voluto fare così un po' di chiarezza su ciò che sta accadendo in queste ore ad Hong Kong dopo che in Italia sono iniziate a circolare delle notizie riguardo nuovi piccoli contagi dopo l'allentamento delle misure restrittive. Durante la situazione attuale generata dal Coronavirus, Heather ha spesso condiviso sui suoi social come lei e la sua famiglia stanno vivendo la situazione.

La ballerina ha sentito la necessità di scrivere, spiega, per chiarire alcune cose non vere che sono state riportate dalla stampa italiana in merito a un secondo picco dei contagi che starebbe costringendo gli abitanti di Hong Kong a rimanere a casa.

"A Hong Kong non c'è obbligo a rimanere a casa - ha aggiunto la showgirl, eterna rivale di Lorella Cuccarini -". A HK non sono mai state chiuse le attività commerciali di alcun genere. Scrive ancora Heather Parisi che: le scuole sono chiuse dal 27 gennaio, dal 27 marzo i locali hanno l'obbligo di ridurre del 50% i coperti, si misura la temperatura alle persone che accedono a edifici pubblici e privati, si igienizzano i mezzi pubblici e sono stati chiusi i luoghi destinati ad attività sportive (sia pubblici sia privati). E non sono chiuse nemmeno ora. A HK non sono mai stati chiusi gli uffici, ma è stata invitata la cittadinanza a lavorare da casa laddove era possibile e quindi su base esclusivamente volontaria.

Qui ad Hong Kong attualmente ci sono circa 700 casi e 4 morti. "A Hong Kong l'uso della maschera è consigliato ma non è obbligatoria anche se la totalità della popolazione la indossa fin dall'inizio dell'epidemia". E così da circa un mese chiunque arrivi a Hong Kong dall'estero viene messo in quarantena fuori, deve restare nella propria casa con un braccialetto che avverte la polizia se esci.

Altre Notizie