Sabato, 08 Agosto, 2020

Eurozona: nuovo calo record Pil -12,1% nel primo trimestre - Europa

Usa stime choc sul Pil-35% a causa del Covid-19 peggio che nella Grande Depressione Coronavirus, che schiaffo al PIL francese
Evandro Fare | 31 Luglio, 2020, 14:49

La variazione acquisita per il 2020 è pari a -14,3%.

Nuovo calo record del Pil dell'eurozona nel secondo trimestre del 2020, ancora caratterizzato da misure di contenimento legate a Covid-19 nella maggior parte degli Stati membri, il Pil destagionalizzato è sceso del 12,1% nell'area euro e dell'11,9% nell'Ue nel suo insieme, rispetto al trimestre precedente, secondo la stima flash pubblicata da Eurostat. La caduta registrata dal Pil nel secondo trimestre - precisa l'Istat - "è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto in tutti i comparti produttivi, dall'agricoltura, silvicoltura e pesca, all'industria, al complesso dei servizi".

In ogni caso, "la graduale abolizione delle restrizioni ha portato a una graduale ripresa dell'attività economica nei mesi di maggio e giugno, dopo il punto più basso toccato in aprile", ha continuato l'Insee.

Il PIL tricolore è crollato di 12,4 punti percentuali rispetto al trimestre precedente e ha fatto i conti con previsioni a -15% oltre che con l'ultimo -5,4% (rivisto da -5,3%). In Francia i dati sul prodotto interno lordo danno un pil del -13,8% nel secondo trimestre dell'anno.

Altre Notizie