Domenica, 20 Settembre, 2020

Dal Kuwait sono sicuri: "Al-Baker vuole portare la Roma in alto"

James Pallotta. Ansa La Roma e l'offerta dal Kuwait: "Dietro di noi non c'è il fondo sovrano"
Iona Trifiletti | 05 Agosto, 2020, 03:28

Intanto la Roma entro la fine di agosto potrebbe cambiare proprietà.

Siccome in questi quasi otto anni da numero uno giallorosso Pallotta ha investito circa 260-270 milioni, accettare l'offerta di Friedkin significherebbe per il finanziere di Boston una perdita di circa 100 milioni. Ma colui che fra pochi giorni sarà l'ex proprietario dell'A.S. Roma non intende aspettare ulteriormente ed allora il gruppo asiatico sarebbe disposto ad affrettare i tempi, contando su un gradimento di massima di Pallotta e su una proposta di massima già formulata ed accettata; ma arrivati a questo punto, le pressioni dell'imprenditore americano spingerebbe Al-Baker ad un'acquisizione praticamente a scatola chiusa. L'edizione online de 'Il Tempo', ha intervistato Iharith Alateeqi. La cessione del club giallorosso sembra essere prossima, scrive Il Tempo.

Al Baker è accompagnato nel suo tentativo da due soci e da un mediatore che gli ha proposto l'affare: "Non c'è alcun legame - ha spiegato l'intermediario Alateegi - tra questo investimento e il fondo sovrano del Kuwait". Prima di parlare di cifre vorremmo concludere l'affare, poi tutto verrà svelato, visto che la Roma è una società quotata in borsa. Ci sono delle regole sui mercati in Italia. Negli anni a venire ci sarà un futuro ancora più luminoso, ci sarà grande competizione tra i club e ci sarà incertezza su chi vincerà il titolo. Ora stanno arrivando nuovi investitori in Italia, si costruiranno nuovi stadi, gli introiti televisivi stanno crescendo, quindi finanziariamente il mercato del calcio italiano è molto promettente. Nella notte c'è stato un incontro tra James Pallotta e Dan Friedkin. We are waiting for the response from Mr. Pallotta to hopefully accept our proposal.

Altre Notizie