Sabato, 19 Settembre, 2020

La previsione di Bill Gates: "La pandemia finirà nel 2022"

Bill Gates sul coronavirus Bill Gates sul coronavirus
Evandro Fare | 16 Settembre, 2020, 09:38

"Se non avremo interventi il numero dei morti, anche negli Usa, tornerà ai livelli della primavera". Intervistato da Bloomberg TV, Gates ha fatto riferimento a quanto avvenuto quando il commissario della FDA Stephen Hahn, parlando a una delle conferenze stampa del presidente Donald Trump, ha esagerato il beneficio del plasma sanguigno come trattamento per COVID-19 e poi ha fatto marcia indietro il giorno seguente. Bill Gates era solito pensare alla Food and Drug Administration degli Stati Uniti come la principale autorità mondiale per la sanità pubblica. E Gates afferma anche che "è increscioso che molte dichiarazioni di Trump "abbiano fatto percepire" una certa contrarietà alla riuscita della sperimentazione sui vaccini".

Bill Gates ha rilasciato un'intervista al giornale La Stampa in cui ha commentato lo stato attuale dell'epidemia di coronavirus nel mondo. Secondo Gates, che aveva lanciato l'allarme pandemie due anni fa, le morti saranno "dirette nei Paesi ricchi, indirette in quelli poveri". Dobbiamo fermare il virus, ma serve la collaborazione globale. L'accesso farà la differenza.

Su questo tema Gates si è comunque dichiarato ottimista poiché "la notizia buona è che abbiamo diversi vaccini promettenti e potrebbero avere l'autorizzazione all'uso". Mi aspetto che due o tre l'avranno. Alcuni pensano prima di novembre (data delle presidenziali Usa, ndr), però non è probabile. "Il primo vaccino potrebbe non essere quello definitivo, servirà altro lavoro sui secondari". "Cerchiamo di vedere se funzionano, e costruiamo una capacità di produzione globale, per oltre un miliardo e mezzo di dosi all'anno". Se saranno efficaci, anche con un livello di vaccinazione del 60% fermeremo la diffusione esponenziale della malattia. "Il prossimo anno porteremo giù il numero dei morti, e nel 2022 la pandemia finirà" sottolinea.

Altre Notizie